Fiorentina, c'è la Lazio. Pioli: "La squadra mi dà garanzie, faremo bene"

Serie A
Stefano Pioli, allenatore della Fiorentina

L'allenatore viola alla vigilia del match dell'Olimpico: "La Lazio è una grande, servirà in campo personalità e carattere. Babacar? Ha caratteristiche particolari, vedremo chi giocherà". Sul mercato: "Nelle prossime sessioni ci sarà modo di migliorare la squadra"

La Fiorentina va a caccia di sé stessa. Le due sconfitte contro Crotone e Roma, alle quali ha fatto seguito il pareggio di Ferrara, hanno frenato la corsa dei viola, chiamati a rispondere domenica in trasferta sul difficile campo della Lazio. “I biancocelesti vanno messi tra le grande squadre, hanno perso appena due partite in 18 gare compresa l'Europa. Ci troveremo al cospetto di un avversario forte e motivato. Dovremo mettere in campo tanta personalità e tanto carattere”, ha ammesso nella conferenza stampa della vigilia Stefano Pioli. Che potrebbe cambiare l’assetto della squadra all’Olimpico, per arginare la potenza offensiva biancoceleste: “Noi parliamo sempre di cambiamenti difensivi in base all'avversario che affrontiamo. Immobile è un attaccante bravissimo ad andare in profondità. Dovremo coprire bene le sue posizioni e limitare i suoi rifornimenti, dovremo essere compatti e organizzati davanti alla loro fisicità, specie sulle palle inattive. La nostra arma in più? Certamente le motivazioni, la squadra si è sempre giocata la partita: le sconfitte che abbiamo avuto sono state sempre di misura, i valori della squadra mi danno garanzie e possiamo fare bene”.

"Mi aspetto di ottenere sempre il massimo"

Pioli ha poi parlato di Inzaghi: “Il suo lavoro parla per lui, per valutare un allenatore sicuramente ci vuole del tempo ma i risultati ottenuti sono sotto gli occhi di tutti”. Per quanto riguarda la formazione di domenica: “Saponara non ha ancora lo status per partire dal 1’. Thereau-Simeone-Chiesa-Babacar insieme? Sì, in futuro può essere, tenendo conto degli equilibri”. La squadra nelle ultime settimane è andata spesso in difficoltà: “Io mi aspetto sempre di ottenere il massimo. Non aspettarsi qualche passo falso con una squadra così nuova era sicuramente illusorio. Domani abbiamo la possibilità di toglierci della soddisfazioni. Babacar ha caratteristiche diverse dall'argentino. Può dare sicuramente il suo contributo, vedremo domani chi sarà l'attaccante più adatto”. Una battuta finale sulle parole di Corvino: “Ha evidenziato quella che è la realtà della nostra dimensione, abbiamo dovuto rientrare sui conti in qualcosa. Sicuramente nel corso delle prossime sessioni di mercato, al quale non sto pensando adesso, ci sarà la possibilità di migliorare la squadra. La Fiorentina verrà riportata dove le compete, lotteremo per tornare in Europa: nel calcio chi ha idee e compattezza riesce a ottenere quello che vuole. Adesso gettiamo le basi per ottenere qualcosa di importante”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche