Bologna, verso la Juve: terapie per Palacio

Serie A
Rodrigo Palacio, attaccante del Bologna (Getty)
palacio_pp_getty

Mbaye e Di Francesco hanno svolto un lavoro differenziato mentre l'attaccante argentino è in dubbio per la prossima partita in programma contro la Juventus. Parla Di Vaio: "Non stiamo pensando di cedere Verdi, continui su questa strada"

LE ULTIME SULLE FORMAZIONI DI BOLOGNA-JUVENTUS

Nonostante la buona prestazione, nell’ultimo turno giocato contro Milan per il Bologna è arrivata una sconfitta; ora la squadra di Roberto Donadoni è attesa da un’altra importante prova in programma domenica alle 15:00. Al Dall’Ara arriva la Juventus di Massimiliano Allegri e per arrivare nella maniera migliore all’appuntamento anche quest’oggi i calciatori rossoblù hanno continuato il loro lavoro a Casteldebole. Il gruppo, come riporta il report ufficiale pubblicato dal sito del club, ha svolto oggi una serie di esercitazioni tecnico tattiche e di partitelle a tema a campo ridotto. Per quanto riguarda i calciatori costretti a lavorare a parte a causa dei loro problemi fisici, il Bologna fa sapere che Ibrahima Mbaye e Federico Di Francesco si sono allenati in una seduta differenziata mentre Rodrigo Palacio si è sottoposto solamente a terapie. L’attaccante argentino è dunque in dubbio per la gara contro i bianconeri e le sue condizioni verranno valutate meglio nei prossimi giorni in attesa di capire se davvero potrà scendere in campo domenica o se sarà costretto a fermarsi.

Parla Di Vaio

Campo e non solo, con il calciomercato di gennaio che si avvicina il Bologna inizia anche a fare alcune riflessioni per rinforzare e soprattutto non indebolire l’attuale rosa allenata da Donadoni. A questo proposito ha parlato il club manager della società Marco Di Vaio al Resto del Carlino, concentrandosi in particolare sulla figura di Simone Verdi - protagonista anche dell’ultima partita contro il Milan: "Quanto vale Verdi? Se la domanda è quanti milioni, non ho una risposta - ha dichiarato Di Vaio - spesso il valore di un calciatore lo stabilisce chi fa un’offerta: ma noi in ogni caso non stiamo pensando di darlo via". E, poi, ancora: "Simone piuttosto pensi a mantenere questa continuità di prestazioni, perché alla lunga è quella che fa la differenza". La speranza del Bologna, e dello stesso calciatore, è dunque quella di continuare su questa strada già a partire dalla prossima, complicata partita contro la squadra campione d’Italia.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche