Napoli, Koulibaly: "Vogliamo fare la storia. Con Sarri sono cresciuto tanto"

Serie A

Nel corso di un forum presso la redazione del Mattino di Napoli, Kalidou Koulibaly ha affrontato numerosi temi: dal sogno scudetto alla crescita con Sarri, dal rapporto con la città di Napoli fino al razzismo e ai propri modelli, sul campo e fuori. E quell'aneddoto su Benitez...

NAPOLI-SAMPDORIA, LE PROBABILI FORMAZIONI

Un Koulibaly a cuore aperto. Che parla di obiettivi e sogni da inseguire sul campo, ma anche di tematiche più importanti e delicate, come quella del razzismo. Il difensore del Napoli è stato protagonista di un forum presso la redazione del Mattino, ecco le sue parole più significative. A partire dal rapporto con Sarri: "Diceva che ascoltandolo sarei diventato un difensore da Barcellona? So solo che con lui e il suo staff sono cresciuto molto, mi hanno spiegato i difetti che avevo, parlandomi tanto. E' stato anche difficile, ma per crescere le critiche bisogna ascoltarle. E loro sono stati rispettosi e lo hanno fatto per farmi diventare un grande giocatore. Per m è importante anche la presenza di Albiol al mio fianco: oggi sono un altro calciatore". Pronto a scrivere la storia con il Napoli: "Il portiere del mio palazzo mi ha fatto vedere il video con i festeggiamenti per il primo scudetto e mi ha spiegato che se vinceremo quest'anno, quello sarà solo l'1 per cento di quello che succederà in città. Noi siamo rimasti per fare la storia del Napoli".

Il rapporto con Napoli e il tema del razzismo

"L'attaccante più difficile da affrontare è Higuain - prosegue Koulibaly - perché essendosi allenato con noi conosce i nostri schemi e i nostri punti deboli". Il discorso poi si sposta fuori dal campo: "Ricordo la reazione dei tifosi del Napoli dopo gli ululati dell'Olimpico contro la Lazio, mi emozionai tanto nel vedere così tante persone indossare la mia maschera. I cori contro i napoletani mi feriscono come se fossero contro la gente di colore. I miei idoli sono Malcom X e Nelson Mandela, mi hanno insegnato molto. Idoli nel calcio? Thruam e Vieira, perché hanno avuto un ruolo nella società che andava oltre il calcio. Non deve esistere differenza tra le persone e devo dire che a Napoli mi hanno accolto benissimo, sembra di vivere qui da tanti tanti anni. Me ne avevano parlato male, e invece...". Infine Koulibaly svela un retroscena sul suo arrivo: "Quando Benitez mi chiamò per dirmi che mi voleva pensai a uno scherzo e attaccai il telefono. Poi mi chiamò il mio agente, dicendomi che era tutto vero. Così richiamai Benitez: gli chiesi scusa..."

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche