La verità di Caicedo: "All'Espanyol non ero più benvenuto. A volte il calcio è ingrato"

Serie A
caicedo_getty

Caicedo in un'intervista a RAC1 torna sulla sua esperienza all'Espanyol e non risparmia la sua ex società: "Non sono stato rispettato come meritavo. Il calcio è ingrato". Per il calciatore della Lazio, tre stagioni con il club di Barcellona, 24 i suoi gol

LAZIO, LESIONE PER CAICEDO: UN MESE DI STOP

L'attaccante della Lazio, Felipe Caicedo, si toglie qualche sassolino dalla scarpa. Il classe 1988, arrivato in Italia in estate, è tornato sulla sua esperienza all'Espanyol: "Ero coinvolto nel progetto ma le circostanze hanno fatto in modo che diventassi colpevole o messo sotto accusa". Il calciatore dell'Ecuador spiega così il suo addio al club di Barcellona: "Non sono abituato a rimanere in una squadra se non sono il benvenuto. È duro passare da essere importante a non contare più nulla. Mi sono sentito solo e non sono stato rispettato come meritavo". Caicedo, prima di arrivare alla Lazio, ha giocato per tre stagioni con il club catalano: per lui 103 presenze e 24 gol, contando tutte le competizioni. Un'esperienza con parabola discendente: 12 reti nel primo anno, 10 nel secondo e solo 2 nel 2016-2017. Il biancoceleste valuta così nel complesso la sua parentesi nella Barcellona biancoblu: "Non ho ricevuto un giusto trattamento, ma sono cose che capitano, a volte il calcio è ingrato. Ricordo con affetto il periodo lì, ma l'ultimo anno l'ha macchiato".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche