Inter, Spalletti: "Ci manca un centrale, lo sa anche mia madre. Poca maturità nella gestione"

Serie A

L'Inter ha pareggiato 1-1 a Firenze, un risultato dettato dalla qualità dei padroni di casa, che sono riusciti a riacciuffare Icardi al 91', e da qualche errore di troppo dei nerazzurri: "Abbiamo avuto scarsa personalità", ha detto Spalletti. E sul mercato non ha usato mezzi termini...

LE PROBABILI FORMAZIONI DELLA 20^GIORNATA DI SERIE A

CALCIOMERCATO: TUTTE LE TRATTATIVE LIVE - IL TABELLONE

Non è bastato il gol di Mauro Icardi a trascinare l'Inter alla vittoria che manca da quel 5-0 contro il Chievo di inizio dicembre. "In alcuni momenti abbiamo giocato una buona partita, in altri siamo stati al di sotto delle aspettative" - ha commentato dopo la gara Luciano Spalletti a Sky Sport - "Gli errori? Abbiamo perso troppi palloni facili. A volte abbiamo reagito e creato: due o tre giocate potevano essere determinanti". Sulla prestazione della squadra però, l'allenatore dell'Inter ha qualcosa da ridire: "Giocando con scarsa personalità, abbiamo complicato le cose e reso la gara difficile. Dobbiamo migliorare nella gestione del risultato e scendere in campo con più maturità. Era possibile portare a casa il risultato, ma non ci siamo riusciti". Sulla prestazione dei singoli, Spalletti è stato chiaro: "Quando analizzo il match, mi riferisco al collettivo e alla squadra in generale. Ranocchia è stato stoico, ha giocato con un problema al fianco. Nagatomo ha accusato qualche linea di febbre: siamo stati anche un po' sfortunati in questo. Ora è abbastanza facile individuare quali siano le qualità della maggioranza dei nostri calciatori, così da creare un collettivo forte: occorre fare uno sforzo per trovare anche le qualità che non abbiamo, con la conoscenza del valore di tutti. Coinvolgendo i ragazzi, pensiamo di poter tirare fuori qualcosa in più. La Fiorentina giocava sul centrale di destra dopo il rinvio: noi andavamo a pressare con Perisic e gli uomini offensivi e non riuscivamo ad arrivare col centrocampista su Laurini, ultimo uomo della difesa. Occorreva dunque non salire più: ho provato a farmi capire, ma non ci sono riuscito. A centrocampo riuscivano a scambiarsi, liberando Chiesa sulla destra, e abbiamo sofferto questa cosa. Abbiamo preso diverse imbucate in campo aperto, rischiando molto".

Mercato: il rinforzo che manca

"Non cerco un alibi. Non parlo di Suning, della proprietà e di cose che possono difendere la mia posizione. Sono 25 anni che faccio questo lavoro e non mi interessano scuse. La verità è sotto gli occhi di tutti: ci manca un difensore centrale. Dobbiamo superare il momento duro. Si può giocare anche senza quelli che si vorrebbe avere a disposizione".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.