Elezioni Figc, Malagò chiede rinvio: candidati non disponibili. Gravina: "Abbiamo detto no"

Serie A
malago_getty

Gravina, candidato Figc: "Il presidente del Coni ha chiesto di rinviare l'assemblea elettiva per aspettare l'evolversi della situazione della governance della Lega Serie A. Questa proposta non è stata accettata dai tre candidati". Rischio commissariamento, anche a compimento delle elezioni federali, se entro 30 giorni la Serie A non nominerà presidente e consiglieri

FIGC VERSO LE ELEZIONI: TUTTE LE NEWS

"Il presidente Malagò ci ha chiesto di rinviare l'assemblea elettiva di lunedì per aspettare l'evolversi della situazione della governance della Lega di Serie A. Questa proposta non è stata accettata da nessuno dei tre candidati, l'assemblea ormai è incardinata e si terrà regolarmente, ma non è escluso che lunedì i delegati decidano diversamente". Così il presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina, al termine dell'incontro al Coni con gli altri due candidati alla presidenza della Figc Tommasi e Sibilia. 

"Il presidente Malagò ci ha messo al corrente della lettera che ha inviato al commissario Tavecchio in cui chiede di eleggere in 30 giorni la governance della Lega di Serie A - spiega Gravina all'uscita dall'incontro al Foro Italico -. Quindi in attesa della definizione delle situazione a Milano ci ha chiesto di procedere eventualmente al rinvio delle elezioni federali. Non c'è stata disponibilità per il momento perché ci sono delle difficoltà oggettive. Quindi tutti e tre ci siamo riservati di fare delle riflessioni e avremo un confronto di verifica sabato sempre col presidente Malago' che ancora una volta coordinerà le nostre intenzioni in vista di lunedì".

"Poi c'è anche un altro passaggio fondamentale: io e Tommasi dobbiamo incontrare la Lega di A e quella di B e quindi faremo anche una verifica con le altre componenti - aggiunge il presidente della Lega Pro -. L'assemblea comunque è incardinata e ci sarà, diventa complicata annullarla, non è nelle nostre disponibilità. Lì i candidati assumeranno una propria responsabilità di fronte a quello che Malagò ci indicherà sabato mattina. Decidere di fare un passo indietro lunedì? Lo valuteremo e decideremo, ma per il momento non è un'ipotesi percorribile. I delegati potrebbero indicare o meno la strada da percorrere".

A questo punto l'ipotesi commissariamento della Federcalcio c'è e resterà, anche a compimento delle elezioni federali, se entro 30 giorni la Lega Serie A non nominerà presidente e consiglieri federali.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.