Roma, Florenzi: "Rigore? Me ne assumo le responsabilità. Risultati non dipendono dal mercato"

Serie A
Alessandro Florenzi dopo il rigore sbagliato (fonte Getty)

L'esterno giallorosso dopo la sconfitta contro la Sampdoria: "Mi assumo le responsabilità per il rigore sbagliato, ma ho passato di peggio e non sarà questo ad abbattermi. I risultati non arrivano, ma non è colpa del mercato. Ora lavoriamo per raggiungere la Champions League"

Roma-Sampdoria e l'episodio che avrebbe potuto cambiare la partita. Al 39' rigore per i giallorossi, fallito da Alessandro Florenzi. "Era lui il rigorista vista l'assenza di De Rossi e Perotti", ha ammesso Di Francesco. L'esterno della Roma non è stato fortunato, ma da capitano di giornata ha deciso di metterci la faccia a fine partita. "Era il secondo rigore che tiravo in Serie A, il primo l'avevo segnato a Torino – ha dichiarato lo stesso Alessandro Florenzi a Sky Sport - Questo l'ho sbagliato, in squadra ci sono calciatori più bravi di me a tirarlo. Me ne assumo le responsabilità, ma ho passato di peggio e non sarà questo ad abbattermi”. Momento negativo per la Roma, Florenzi prova a trovarne le motivazioni: “Creiamo tanto e non riusciamo a mettere la palla dentro. Purtroppo stiamo mancando su tanti aspetti, difensivamente ed anche in attacco. Sbagliamo troppo spesso l'ultimo passaggio o dei cross, me compreso. Dobbiamo guardare in faccia la realtà, i risultati non arrivano. Ma non dobbiamo abbassare la testa assolutamente, sempre a testa alta e lavoriamo per migliorare la situazione".

"Dzeko? Non ne parliamo. Obiettivo Champions"

Sul mercato e sul possibile addio di Dzeko: "Magari c'è stata qualche battuta il primo giorno, quando era uscita la notizia – ammette Florenzi – Ma poi non ne abbiamo più parlato. Quello che c'è fuori lo puoi avvertire, ma bisogna essere responsabili. Alla fine bisogna far parlare il campo e in questo momento i risultati non sono buoni. E questo non dipende né dal mercato né da altre cose esterne". Sugli obiettivi della stagione, infine: "E' evidente, dai punti che hanno, che Napoli e Juventus stanno facendo qualcosa di straordinario. Noi avevamo altre ambizioni, volevamo avere più punti, ma ora lottiamo con Inter e Lazio per entrare nelle prime quattro posizioni. Non è facile avere il sorriso in questo momento, però dobbiamo scrollarci di dosso le paure e le difficoltà per pensare al campo e provare ad invertire la rotta".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche