Inter-Bologna, in due mesi solo il Chievo peggio di loro: sfida scaccia-crisi

Serie A

Francesco Giambertone

Rafinha da una parte, Dzemaili dall'altra: serviranno anche i nuovi acquisti per risollevare Inter e Bologna (Foto Getty)
inter_bologna_getty

Nelle ultime 8 giornate i nerazzurri e i rossoblù viaggiano con un passo da retrocessione: hanno ottenuto gli stessi punti del Benevento (6), meglio soltanto dei veronesi. Ecco i numeri dei loro due mesi da incubo alla vigilia dello scontro di San Siro che può risollevare Spalletti o Donadoni

CORSA CHAMPIONS: LAZIO, INTER E ROMA COL FRENO

MORATTI: "INTER, CI ERAVAMO TANTO ILLUSI"

SERIE A, TUTTE LE NOTIZIE - RISULTATI E CLASSIFICA

Per una delle due la crisi potrebbe finire domenica pomeriggio dopo due mesi d'inferno. I tifosi dell'Inter, esasperati dalle ultime 8 giornate di campionato senza vittorie, si aspettano i tre punti contro un Bologna altrettanto affamato e ferito. A San Siro si affrontano come allo specchio le due squadre che negli ultimi 8 turni hanno ottenuto meno punti di tutta la Serie A: appena 6, come il Benevento, meglio soltanto del Chievo fermo a 2. Una media da retrocessione figlia di percorsi diversi ma con lo stesso punto di arrivo: San Siro, domenica pomeriggio, e un solo risultato possibile. Per tutte e due.

I numeri della crisi: due mesi fa l'Inter era prima

La picchiata dell'Inter è uno dei fenomeni più raccontati e insieme più difficili da spiegare di questo campionato. Dopo 15 giornate i nerazzurri erano in testa con 39 punti, uno davanti al Napoli, due sulla Juventus. L'attacco aveva segnato 33 gol, più di 2 a partita, 16 dei quali realizzati da un Icardi in formato Mondiale, che volava con l'aiuto di due grandi ali, cioè Perisic (7 gol e 6 assist) e Candreva (7 passaggi decisivi). In difesa Skriniar e Miranda avevano formato una cerniera davanti alla porta di Handanovic che si era allentata solo 10 volte in 15 partite: a quel punto della stagione il miglior reparto della Serie A insieme a quello di Sarri. Otto partite dopo, il mondo nerazzurro è stravolto.

L'Inter di oggi: 0,6 gol a gara

La squadra oggi è quarta, a 15 punti dalla vetta, ancora in piena corsa Champions solo grazie alla contemporanea frenata di Lazio e Roma. Da unica imbattuta in campionato ha perso due volte di fila, contro Udinese e Sassuolo, in mezzo a 6 pareggi, tutti per 0-0 o 1-1. Per i tifosi tre di questi sono accettabili (Juventus, Lazio e Roma), ma non gli ultimi due contro Spal e Crotone, soprattutto per il modo in cui sono maturati: senza gioco e senza grinta. In queste 8 gare l'Inter ha subito una media di un gol a partita, segnandone 5 in totale (0,6 a gara), con 2 reti di Icardi e nessuna degli esterni d'attacco. La Lazio, per citare un'avversaria diretta, nello stesso tempo ne ha fatti 20.

Le ultime 8 giornate: Inter sterile, Bologna "colabrodo"

Se tutto sommato la difesa interista tiene ancora (solo 5 squadre hanno incassato meno dell'Inter in questi due mesi), la sterilità offensiva del Biscione è il dato più preoccupante per Spalletti: i suoi ragazzi dalla 16esima giornata in avanti sono diventati il secondo peggior attacco della Serie A (“comanda” il Chievo con 4 reti), insieme a Roma e Benevento. Ma domenica si troveranno davanti la difesa più perforata delle ultime 8 giornate: il Bologna dal 10 dicembre ha subito 17 reti, una media di quasi 3 a gara, pur senza smettere di creare pericoli, andando in rete 10 volte. Cioè il doppio dell'Inter.

Mauro Icardi molto probabilmente salterà Inter-Bologna, Simone Verdi di sicuro non ci sarà: entrambi dovrebbero essere in tribuna come nell'ultimo turno di campionato

Il Bologna non pareggia. Ma mancano i bomber

La crisi è comune, ma per Donadoni non è arrivato nemmeno un pareggio: due vittorie contro Chievo e Benevento in mezzo a 6 sconfitte, tutte però contro squadre più forti (Milan, Juventus, Napoli) o più in forma (Udinese, Torino e l'imprevedibile Fiorentina). Il calendario non è stato clemente. Come la sfortuna: a San Siro mancheranno sia Simone Verdi, il migliore della squadra nel girone d'andata, infortunatosi proprio contro il Napoli che aveva rifiutato a gennaio, sia probabilmente Mauro Icardi, in forte dubbio per il problema muscolare che lo ha fermato prima del Crotone. Al Dall'Ara furono loro a infilare le reti che valsero il pareggio finale, il primo stop dei nerazzurri dopo 4 vittorie di fila. Sembra passato un secolo, era solo un girone fa. La tendenza negativa si può e si deve invertire: chi lo vorrà di più potrà cominciare già domenica.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.