Giaccherini si sfoga: "Sarri non sa gestire le riserve. Pellè mi rubò il rigore contro la Germania"

Serie A

Giaccherinho è tornato. Dalla panchina del Napoli punta a diventare un titolare del Chievo. Ha voglia di ripartire, ma senza dribblare il suo ex allenatore: "Per lui esistono 14-15 giocatori, ma se hai le coppe e vuoi vincere il campionato hai bisogno della rosa intera". Poi la rivelazione e il rimpianto Europeo per quel rigore "rubato" da Pellè: "Ero nella lista dei cinque"

Giack (classe 1985) ha ancora voglia di giocare. Per questo, a gennaio, ha chiesto di essere ceduto per tornare in campo, alla domenica. Lo fa già nel Chievo, non lo faceva più nel Napoli, dove il feeling con Sarri non è mai nato. "Perché giocavo così poco? L’unica spiegazione è l’infortunio iniziale che mi impedì di far vedere a Sarri che sono una mezzala: restai fuori due mesi per uno strappo e nel frattempo arrivarono Zielinski e Rog. Così Sarri mi mise esterno, un ruolo che non faccio bene: per lui ero il vice Callejon. È stato un disguido tattico. Ho provato a dimostrare di poter comunque essere utile al Napoli, ma lui ormai aveva questa visione di me. In campionato ho fatto una sola gara da titolare e ho anche segnato. Ma non mi sono mai permesso di chiedergli perché non giocassi mai”. Lo sfogo di Giaccherini sulla Gazzetta dello Sport.

Ma non è finita qui. L’ex azzurro parla dell’allenatore più celebrato dell’anno, svelandone un difetto: “In campo è bravissimo, ma ha questo problema di rapporto con le riserve. Quando alleni una grande squadra devi saper gestire bene il gruppo e sotto questo punto di vista Sarri difetta. Per lui esistono 14 o 15 giocatori, ma se hai le coppe e vuoi vincere il campionato hai bisogno della rosa intera. Ed è giusto far sentire tutti importanti. Io a Napoli non mi sono mai sentito importante”.

Al Conte ct, il centrocampista deve molto. “Conte e Sarri, entrambi predicano il recupero immediato della palla, il pressing alto, il gioco propositivo. La differenza principale riguarda la gestione: per Conte sono tutti importanti e nessuno indispensabile, per Sarri ci sono undici indispensabili e gli altri vengono dopo”.

Giack-Pellè e il rigore "rubato" contro la Germania

A proposito di Conte e dell’Europeo 2016. Ai quarti con la Germania, Giaccherini trasformò il sesto rigore, ma c’è un ricordo particolare: “Io c’ero io nella lista! Che rimpianto. A centrocampo Conte detta l’elenco: primo Insigne, secondo Zaza, terzo Barzagli, quarto Giack, quinto Bonucci. Interviene Pellè: “Il quarto è mio”. Io insisto: “Tranquillo”. Ma lui non molla: “Calcio io, calcio io”. Conte mi guarda e allora dico: “Ok, sei carico, va bene”. E scalo al sesto posto. Ci penso spesso”.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.