Milan, Cutrone: "Inzaghi uno dei più grandi, ma è presto per fare paragoni". VOTA

Serie A

Il giovane attaccante rossonero è stato decisivo nella vittoria del Milan contro la Spal. Dodici gol in stagione, molti dei quali pesanti: "Ma non penso a me stesso, l'importante è che vinca il Milan. Se crediamo alla Champions? Pensiamo ad andare avanti in Europa League..."

POKER MILAN, SPAL BATTUTA: DOPPIO CUTRONE

GATTUSO: "BUONA PARTITA, MA I PROBLEMI NON SONO FINITI"

Una doppietta da opportunista, figlia dell'applicazione e della fame che mette in campo. Patrick Cutrone si sta prendendo il Milan con gol pesanti e spesso decisivi (sono già 12 in stagione tra tutte le competizioni). Al termine del match vinto dai rossoneri contro la Spal per 4-0, l'attaccante ventenne ha parlato ai microfoni di Sky Sport: "Spero e voglio continuare così, ma quello che conta è che il Milan vinca: solo dopo penso a me stesso". Due gol da attaccante vero, qualcuno ha scomodato anche il paragone con Inzaghi: "Lui è stato uno dei più grandi attaccanti del calcio italiano, lo stimo molto. Ma è presto per fare certi paragoni, anche se sono contento che si parli di me in certi termini: l'ho sempre seguito da bambino". Inzaghi lo conosce bene, ma è con Montella prima e con Gattuso poi che Cutrone ha trovato spazio in prima squadra: "Devo molto a Montella, è lui che mi ha lanciato. Così come a Gattuso che mi sta dando continuità: voglio ripagarlo nel migliore dei modi e sto cercando di farlo. Lo ascolto sempre, mi piace come mi carica".

"Dedico un gol a Conti: aveva previsto tutto"

Una vittoria che può rilanciare le ambizioni europee del Milan? Cutrone preferisce non sbilanciarsi troppo: "Pensiamo partita dopo partita, pur ponendoci degli obiettivi. Ma ora dobbiamo concentrarci sulla gara di Europa League, che è molto importante: vogliamo andare avanti in Europa e per farlo dovremo vincere in trasferta in un ambiente caldo". L'attaccante rossonero analizza poi la partita di oggi: "Sapevamo sarebbe stata dura, infatti subito dopo aver fatto gol abbiamo un po' sofferto. Ma abbiamo resitito da grande squadra e siamo stati bravi a trovare il raddoppio e poi chiuderla. Il feeling con Suso e Calhanoglu? Positivo, ma c'è intesa con tutti". Infine, una (doppia) dedica particolare: "Il primo gol è per Conti, che era alla prima convocazione dopo l'infortunio. Aveva predetto la mia doppietta. L'altro alla mia famiglia e alla squadra, se segno è merito loro".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.