Sorrisi e 4-3-3: è la cura del "nuovo" Mazzarri. Adesso il test Juve

Serie A

Vanni Spinella

Ha preso il Toro dopo una sconfitta contro la Juventus, costata la panchina a Mihajlovic, e l'ha rimesso in sesto con una strana alternanza di risultati e un modulo "non suo". I precedenti dicono che sa come si affrontano i bianconeri e che ha già vinto un derby contro Allegri. Ma occhio a Chiellini...

SERIE A, LE PROBABILI FORMAZIONI

La “cura Mazzarri” è iniziata ufficialmente all’indomani di una sconfitta con la Juventus. Da quel giorno, 4 gennaio 2018, il Torino non ha più perso: sono intrecci così che contribuiscono a rendere ancora più intrigante il nuovo derby che è alle porte.

Quel 2-0 firmato Douglas Costa-Mandzukic che eliminò il Torino dalla Coppa Italia e costò a Mihajlovic la panchina resta l’unica sconfitta granata del 2018: certo, non un bel modo per iniziare l’anno nuovo, ma i tifosi del Toro hanno potuto consolarsi con la sequenza partita appena tre giorni dopo, con Mazzarri al timone. L’alternanza di vittoria e pareggio sembra quasi seguire uno schema, come se facesse parte della “cura” non assumere eccessive dosi di entusiasmo. O come se il nuovo allenatore, da bravo medico, avesse portato un rigore e una logica anche nei risultati: in casa solo vittorie e per di più mantenendo la porta inviolata, dalle trasferte si torna invece con l’1-1.

Sicuri che sia lui?

Mazzarri inizia a stupire contro il Bologna: non tanto per il 3-0 nel giorno della Befana, quanto per il modulo con cui schiera la squadra. Noto come “mister 3-5-2” e con gli esterni che nelle sue squadre sono abituati ad arare le fasce, il nuovo Mazzarri rientrato dopo l’esperienza inglese al Watford è ripartito dal 4-3-3 del suo predecessore: Baselli, Rincon e Obi in mediana, immutata nelle tre gare casalinghe che, come detto, hanno portato altrettanti successi (tanti quanti nelle 16 gare precedenti), 0 gol subiti e, ovviamente, tanti sorrisi nell'ambiente. In attacco, fiducia a Niang nel ruolo di punta centrale (ripagata da 2 gol), aspettando il rientro di Belotti che si è ripreso il suo posto proprio nell’ultima gara. Nascono così il 3-0 al Bologna, il 3-0 al Benevento e il 2-0 all’Udinese, tra i quali si incastrano gli 1-1 contro Sassuolo e Sampdoria, ottenuti invece partendo con il 4-3-2-1. Solo a sprazzi, finora, è riemerso il buon vecchio Mazzarri, che nel momento del bisogno è tornato al fidato 3-5-2. È capitato a Reggio Emilia, quando il Sassuolo dopo aver trovato il pareggio ha iniziato a premere con insistenza (e allora meglio cautelarsi), è successo di nuovo nel finale contro l’Udinese, quando invece c’era da difendere la vittoria.

Ecco dunque il dilemma: perché dalla Juve ci si deve difendere e affrontandola con il 4-3-3, poco più di un mese fa, Sinisa finì ko; ma è anche vero che il “nuovo” 4-3-3 mazzarriano, fatto di equilibri che evidentemente prima non si trovavano, sembra essere diventato il modulo di riferimento per le partite in casa, dove la porta è sempre rimasta chiusa.

Quel derby contro Allegri...

Mazzarri arriva al suo primo derby di Torino forte delle esperienze passate in quelli di Genova e di Milano. Sei in tutto (quattro più due), con il bilancio di 2 vittorie, un pareggio e 3 sconfitte. A Genova, sulla panchina della Sampdoria nelle stagioni 2007-2008 e 2008-2009, il confronto fu sempre con Gasperini: un derby vinto (1-0, gol di Maggio; derby indimenticabile per i tifosi blucerchiati), uno 0-0 e due sconfitte, entrambe nella seconda stagione, firmate da Milito (1-0 e 3-1 con tripletta del Principe, derby indimenticabile per i tifosi del Genoa).

Due invece i derby di Milano, vissuti dalla panchina dell’Inter nella stagione 2013-2014, con il primo che rappresenta un buon precedente contro Allegri, all’epoca allenatore del Milan: 1-0 grazie a un colpo di tacco di Palacio, vendicato dai rossoneri al ritorno (1-0, de Jong), quando però l’allenatore era Seedorf. Nella stagione seguente, invece, l’esonero dopo il 2-2 contro il Verona negò a Mazzarri il derby della giornata dopo: gli subentrò Mancini, che fece 1-1.

Mazzarri, la Juve e... Chiellini

Molti di più i precedenti tra Mazzarri e la Juventus, affrontata fin dal 2004 quando sedeva sulla panchina della Reggina. Il primo confronto fu un successo: 2-1 al Granillo contro i bianconeri di Capello, con Ibrahimovic che rispose alla rete di Colucci e gol decisivo di Zamboni. Seguiranno 3 sconfitte nei successivi 3 incroci. Da allenatore della Sampdoria, invece, 4 pareggi su 4 quando ha affrontato la Juve, e sempre contro Ranieri: il più spettacolare un 3-3 ottenuto dopo essere andato sotto 2-0 nei primi 15’.

Gioie e dolori alla guida del Napoli: una vittoria per 3-2 in casa della Juve di Ferrara, ribaltando il 2-0 bianconero (campionato 2009-2010); un’altra vittoria al ritorno (3-1), sempre in rimonta, contro Zaccheroni; l’esaltante 3-0 (triplo Cavani) a Delneri nella stagione successiva; ma anche i ko contro la corazzata di Conte (3-0, stagione 2011-2012; 2-0 stagione 2012-2013), che affronterà anche alla guida dell’Inter (un pareggio e una sconfitta). E poi le coppe, dove il Mazzarri allenatore del Napoli si è scontrato con la Juve ben tre volte: eliminato negli ottavi di Coppa Italia 2009-10 dopo una sconfitta per 3-0, vincitore della finale (2-0) del 2012, sconfitto ai supplementari (4-2) nella Supercoppa giocata pochi mesi dopo.

Bilancio generale, in campionato, di 18 precedenti, con 4 vittorie di Mazzarri, ben 8 pareggi e 6 successi bianconeri, che dovrebbe rassicurare abbastanza i tifosi granata sulla capacità del loro allenatore di saper affrontare la Juve. A patto che impari a marcare Chiellini: nel corso di queste sfide, gli ha già segnato 3 volte.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.