Genoa, Medeiros: "Qui c'è molta intensità, voglio aiutare la squadra. Ringrazio i miei compagni"

Serie A
medeiros_genoa

Arrivato a gennaio dallo Sporting, il portoghese classe 1994 si è raccontato al sito ufficiale della sua nuova squadra. Dall'ambientamento e le similitudini tra Genova e la sua Horta, fino alle differenze riscontrate tra il calcio italiano e quello portoghese

SERIE A, RISULTATI E CLASSIFICA

SERIE A, ANTICIPI E POSTICIPI DALL'11^ ALLA 14^ GIORNATA DI RITORNO

Finora soltanto due presenze con soli 55 minuti giocati, ma Iuri Medeiros scalpita e vuole prendersi il Genoa. Il portoghese classe '94 arrivato in prestito dallo Sporting sta affrontando un periodo di ambientamento e cambiamenti: legittimo, per chi come lui viene da un calcio profondamente diverso come quello che giocava nella Liga Portoghese. Medeiros si è raccontato al sito ufficiale della società rossoblu: un calcio diverso, ma anche qualche similitudine tra Genova e la sua città d'origine, Horta; l'aiuto dei compagni, la volontà di aiutare la squadra. "Voglio dire grazie a tutti i miei compagni per la loro gentilezza nei miei confronti e per come mi stanno aiutando - ammette Medeiros - soprattutto Miguel Veloso, Pedro Pereira e Daniel Bessa. Loro non mi perdono mai di vista e mi traducono quando non capisco. Sono dei punti di riferimento anche fuori dal campo". La prima differenza, lampante, è quella relativa al tipo di calcio che ha trovato qui in Italia: "Più fisico e tattico. Anche in Portogallo facevamo sedute in paletra, ma non correvamo così, con questa intensità. Ma è un ottimo metodo per migliorare la resistenza e aumentare i volumi. Quando sono arrivato - prosegue Medeiros - ero indietro di condizione. Ora sto recuperando".

"Ho sempre avuto in testa il calcio, gioco da attaccante"

Dalle qualità in campo alle preferenze, anche culinarie, fuori: "Il baccalà non mi piace per niente, anche se so che c'è una grande tradizione qui. Ma preferisco pizza e spaghetti... Genova? Simile a Lisbona e Porto. Ma io vengo da Horta, un paese dell'isola di Faial che si trova nella regione autonoma delle Azzorre: lì si pesca che è un piacere". Medeiros svela anche i suoi gusti extracalcistici: "Mi piacciono i film d'azione e la musica hip-hop". Poi, però, si torna al calcio: "Ce l'ho in testa fin da piccolo. Ho sempre giocato da attaccante, già nello Sporting Horta". Poi sono seguite tante esperienze in tutte le rappresentative giovanili: "Mi hanno fatto crescere e così i sacrifici fatti hanno assunto un senso. Anche se siamo dei privilegiati, per noi calciatori non è facile lasciare la famiglia quando si è giovani. Ora ho l'ambizione di aiutare il Genoa".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.