Lazio-Benevento, De Zerbi: "A Roma per vincere"

Serie A
Roberto De Zerbi, Benevento (foto sito ufficiale Benevento)
de_zerbi_benevento

L'allenatore in conferenza: "La squadra si è allenata come al solito perché non ha problemi d'impegno settimanale. Pochissime volte sono stato scontento dopo l'allenamento perché spinge sempre al massimo. E' una partita difficile contro una delle squadre più forti"

Vigilia di partita anche in casa Benevento, la squadra di De Zerbi si prepara per affrontare a Roma la Lazio di Inzaghi. L'obiettivo è quello di vincere per provare a credere ancora nella salvezza in questo finale di campionato e con questo spirito anche l'allenatore dei giallorossi si è presentato in conferenza stampa per anticipare i temi del match. Queste le sue dichiarazioni: "La squadra si è allenata come al solito perché non ha problemi d'impegno settimanale. Pochissime volte sono stato scontento dopo l'allenamento perché spinge sempre al massimo. E' una partita difficile contro una delle squadre più forti. Cercheremo di giocare provando a non subire. Non andremo a Roma solo per difenderci. Penso ancora alla partita con il Cagliari e spero che i calciatori la tengano presente perché prendere gol in quelle situazioni, nei minuti di recupero, vuol dire che non stiamo parlando più di calcio ma di altre cose che a noi mancano. Subiamo sui calci piazzati sia a zona che a uomo, quindi il problema non è il tipo di marcatura. Bisogna avere la giusta voglia di spingere di più se si vuole cercare di ottenere l'obiettivo che si ha nella testa. Nelle ultime tre partite non abbiamo mai subito gol su azione e prenderli in quel modo dà fastidio".

Sulle probabili scelte

Poi, sulla formazione e sulle condizioni della squadra, De Zerbi ha aggiunto: "Spero che Lobardi e Cataldi stiano vivendo l'attesa in maniera normale. Se dovessero avere un atteggiamento diverso deve essere solo ancora più positivo. Non dico vendicativo, ma ambizioso. Da Cataldi mi aspettavo di più, soprattutto da qui in avanti perché è un calciatore di talento ed è una dote che deve essere abbinata a maggiore convinzione. Sono cose che gli dico da tempo in privato. Per me è da Nazionale. Dovrà essere bravo lui e chi lo allenerà in futuro. Comunque ci sono tre partite in sette giorni e di questo devo tenerne conto, non perché abbiamo la possibilità di fare il turn over. Se Sandro giocherà con la Lazio, non potrà scendere in campo con il Verona. Brignola viene dalle tre partite in Nazionale e non può giocarne altre tre in un tempo così ravvicinato. Bisogna gestire bene la situazione in base alla partita. Rientrerà D'Alessandro che potrà scendere in campo in corso d'opera. Siamo nel numero giusto per poter fare la partita e per cercare di vincere a Roma. Dico questo perché quando siamo andati in casa delle big abbiamo offerto sempre ottime prestazioni. Una cosa è certa: non andremo a farci la passeggiata pre pasquale".

Sulle speranze per il finale di stagione

E ancora: "Non capisco perché si parla di motivazioni. A parte Sagna e Sandro, quasi nessuno ha grandi esperienze, compreso io. Queste dieci partite mi danno tanti stimoli e devono pensarla così anche i calciatori. Ultimamente la Lazio si è lamentata molto degli errori del Var e non vorrei che con il Benevento si sistemino le cose. Mi piace dirlo prima perché è facile dopo la partita lamentarsi. Se loro si lamentano per alcuni episodi, noi potremmo aprire un dossier. Il presidente Vigorito quando mi ha chiamato conosceva le mie caratteristiche. A me interessa creare molte occasioni e subirne poche, come fatto nelle ultime partite. Non cerco lo spettacolo, poi bisogna capire da quale prospettiva si vede il calcio. E' più facile arrivare al risultato con un'organizzazione completa. Magari senza organizzazione avremmo perso sempre pesantemente. Ognuno deve fare quello che sa fare meglio con coerenza e passione. Cosa è mancato rispetto alle altre? Quella caratteristica che ti permette di spingere oltre e di prendere ciò che meriti. Se non riesci a farlo vuol dire che ti manca qualcosa. Non esistono due Benevento, ma uno solo. Siamo tutti colpevoli di ciò che è successo e non solo quelli che ci mettono la faccia", ha concluso l'allenatore.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport