Hellas Verona, si dimette il direttore sportivo Fusco: "Decisione irrevocabile"

Serie A

Il dirigente dell'Hellas Verona ha comunicato la sua scelta ai microfoni di Sky Sport: "Chi sbaglia, paga. In questo momento sono io a farlo per gli errori che ho commesso e per la fiducia a questa squadra"

IL BENEVENTO UMILIA IL VERONA: È 3-0

Filippo Fusco non sarà più il direttore sportivo dell’Hellas Verona. La decisione è stata comunicata nel post partita di Sky Sport, al termine della gara col Benevento che ha visto i gialloblu uscire sconfitti per 3-0 dal Vigorito. “Rassegno le mie dimissioni in modo irrevocabile” sono le prime parole del dirigente. E questa scelta assume il significato di ammissione di responsabilità: “Chi sbaglia, paga. In questo momento sono io a farlo per gli errori che ho commesso e per la fiducia a questa squadra, ad un gruppo di giocatori che ha un obiettivo alla portata, ma non vi rientra l’atteggiamento mostrato oggi in campo”. Una prestazione che ha sorpreso lo stesso Fusco: “Francamente non so che dire, sono sorpreso visti gli allenamenti. La squadra era perfettamente in grado di fare una partita diversa e ottenere un esito diverso ma non è stato così”.

Esperto in promozioni

Fin dalle sue prime esperienze all’interno dello staff dirigenziale del Napoli all’inizio degli anni Duemila, Fusco si è specializzato nelle promozioni in Serie A. Ci è riuscito col Bologna, nonostante la rapida interruzione del rapporto, e con l’Hellas Verona, che invece lotta per rimanere nella massima divisione. Adesso la quota salvezza, rappresentata dalla Spal, dista quattro punti e il calendario dei veneti riserva molti scontri diretti. Ma nonostante la situazione ancora aperta, le dimissioni di Fusco sono state dichiarate irrevocabili.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.