Nicchi: "Riforma? Si rischia una nuova Calciopoli. Buffon deve misurare le parole"

Serie A
marcello_nicchi_getty

Il presidente dell'Aia è preoccupato davanti alla possibilità che gli arbitri siano privati del 2% dei voti in Consiglio Federale. E sullo sfogo di Buffon: "Deve fare attenzione a ciò che dice"

LA DENUNCIA DI NICCHI: "BUSTE CON PALLOTTOLE ALLA SEDE DELL'AIA"

Marcello Nicchi, davanti alla possibilità che gli arbitri siano privati del 2% dei voti in Consiglio Federale e nelle assemblee elettive, lancia l'allarme: "L'arbitro deve votare perché è un principio democratico" - ha dichiarato su Radio Uno - "Qualcuno vuole mettere le mani sugli arbitri: il 2% è un'attribuzione residuale. A chi gioverebbe questa decisione, se non alla serie A che non ci vuole riconoscere questo diritto, come del resto dichiarato dal commissario Malagò? Tutte le altre componenti sono a nostro favore. Mettere le mani sugli arbitri significherebbe che ognuno dice la sua: nel modo di designare, nella crescita, nell'organizzazione. Minare l'indipendenza e la terzietà della classe arbitrale potrebbe significare l'inizio di una nuova Calciopoli". Il presidente dell'Aia ha aggiunto: "Lo sciopero? Io faccio di tutto per calmare gli arbitri, ma se un giorno qualcuno arriverà al campo e non troverà l'arbitro non si sorprenda".

"Buffon? Più attenzione alle parole"

Il presidente dell'Aia ha commentato anche lo sfogo di Buffon dopo il rigore fischiato a favore del Real Madrid dall'arbitro Oliver: "Buffon è un grandissimo campione che si avvia, gli auguro, a una bellissima carriera dirigenziale. Quando siamo a certi livelli bisogna stare attenti a quello che si dice. Perché ci sono i ragazzini che ascoltano".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.