Serie A: calendario, programma, orari della 37^ giornata

Serie A
roma_juventus_getty

Si parte sabato con Benevento-Genoa (alle 18) e Inter-Sassuolo (alle 20.45), domenica tutte le altre gare. Atalanta-Milan scontro fondamentale per la corsa all'Europa League, in serata si giocano in contemporanea Roma-Juventus e Sampdoria-Napoli

CLICCA QUI PER ROMA-JUVENTUS LIVE

CLICCA QUI PER SAMPDORIA-NAPOLI LIVE

Quando si gioca la 37.a giornata di Serie A?

Serie A in campo nel weekend: sabato 12 e domenica 13 giugno si gioca la 37.a giornata, la penultima del campionato. Potrebbe essere la giornata che darà alla Juventus la certezza matematica dello scudetto. Nel dettaglio, ecco tutti i match in programma: Benevento-Genoa, Inter-Sassuolo (sabato), Fiorentina-Cagliari, Bologna-Chievo, Crotone-Lazio, Torino-Spal, Verona-Udinese, Atalanta-Milan, Roma-Juventus, Sampdoria-Napoli (domenica).

Quando giocano la Juventus e il Napoli?

Per il finale di campionato, le partite di Juventus e Napoli saranno giocate in contemporanea. Roma-Juventus e Sampdoria-Napoli, dunque, si disputeranno entrambe domenica alle 20.45.

Quali partite si giocano sabato?

Due match in programma sabato 12 maggio: alle 18 Benevento-Genoa (diretta su Sky SuperCalcio HD) e alle 20.45 Inter-Sassuolo (diretta su Sky Sport 1 HD).

Quali sono le partite di domenica?

Nessun match in programma alle 12.30, per questo turno di campionato. Alle 15, in contemporanea, si giocano Crotone-Lazio (diretta su Sky Calcio 1 HD), Fiorentina-Cagliari (diretta su Sky Calcio 2 HD), Torino-Spal (diretta su Sky Calcio 3 HD), Verona-Udinese (diretta su Sky Calcio 4 HD), Bologna-Chievo (diretta su Sky Calcio 5 HD). Per seguirle tutte senza perdersi nemmeno un gol c'è Diretta Gol (su Sky SuperCalcio HD), con cui è possibile "saltare" da un campo all'altro.

Alle 18 si gioca Atalanta-Milan (diretta su Sky SuperCalcio HD), antipasto del gran finale con Roma-Juventus (diretta su Sky Sport 1 HD) e Sampdoria-Napoli (diretta su Sky Calcio 2 HD) in contemporanea alle 20.45.

Cosa serve alla Juventus per vincere lo scudetto?

A due giornate dalla fine del campionato, la Juventus ha 6 punti di vantaggio sul Napoli (91 a 85). Gli scontri diretti sono in perfetto equilibrio (entrambe hanno vinto 1-0 in casa dell'avversaria). La Juventus ha una migliore differenza reti (+61 contro +45). Detto ciò, ai bianconeri basta un punto nelle prossime due partite (contro Roma e poi Verona in casa) per vincere uno scudetto per il quale manca solo la certezza aritmetica. Con vittoria o pareggio contro la Roma, quindi, sarebbe festa per la Juventus; in caso di sconfitta, invece, vincerebbe ugualmente il titolo se il Napoli non dovesse vincere contro la Sampdoria.

Perché lo scudetto della Juventus è praticamente certo?  

La contemporanea sconfitta della Juventus contro la Roma e la vittoria del Napoli sulla Samp rimanderebbero il discorso all'ultima giornata, ma va sottolineato ancora una volta che si tratterebbe solo di un "rinvio" dovuto alla mancanza della certezza aritmetica. La migliore differenza reti (16 gol di scarto) sul Napoli rappresenta infatti per la Juve una garanzia, che solo rimediando due sconfitte sonore (associate a due larghe vittorie del Napoli) non vincerebbe il titolo.

Lotta Champions: qual è la situazione?

In lotta per i due posti ancora disponibili ci sono Roma (73 punti), Lazio (71 punti), Inter (69 punti). Alla Roma basta un punto nelle prossime due partite (in casa contro la Juventus e poi contro il Sassuolo) per avere la certezza di partecipare alla prossima Champions. Questo perché Lazio e Inter si affronteranno all'ultima giornata, in un match che presumibilmente avrà il sapore dello scontro diretto per l'ultimo posto disponibile. In caso di arrivo a pari punti tra Roma e Lazio, infatti, gli scontri diretti premierebbero i giallorossi. Mentre in caso di arrivo a pari punti tra Roma e Inter sarebbero in vantaggio i nerazzurri. La Roma avrebbe una possibilità anche in caso di doppia sconfitta nelle ultime due giornate, a patto che la Lazio non faccia più di due punti nelle ultime due.

Perché l'Inter "deve" vincere 6-0 contro il Sassuolo?

Situazione intrigante perché, come si diceva, all'ultima giornata c'è Lazio-Inter. In questo turno, invece, i biancocelesti (a +2 in classifica sui nerazzurri) affrontano il Crotone, mentre l'Inter ospita il Sassuolo. L'Inter con due vittorie nelle ultime due giornate (vincendo quindi lo scontro diretto con la Lazio) avrebbe la certezza del posto Champions. Ma potrebbe farcela anche pareggiando all'Olimpico, se la Lazio dovesse pareggiare con il Crotone (allenato da Zenga): in questo caso, però, i nerazzurri dovrebbero arrivare all'ultima giornata avendo precedentemente "colmato" la differenza reti che al momento premia i biancocelesti (+41 a +36). Cinque gol di scarto che potrebbero essere annullati battendo 6-0 il Sassuolo: a quel punto, un pari con la Lazio vedrebbe l'arrivo a pari punti in classifica di Inter e Lazio (73 pari), l'equilibrio negli scontri diretti (all'andata finì 0-0) e sarebbe la differenza reti a decidere tutto (premiando l'Inter).

E invece, la Lazio va in Champions se...

La Lazio è sicura del posto Champions già in questa giornata se vince con il Crotone e l'Inter pareggia o perde contro il Sassuolo. A quel punto lo scontro diretto all'ultima giornata, con 4 o 5 punti di margine sui nerazzurri, sarebbe ininfluente.

Lotta salvezza: qual è la situazione?

Benevento e Verona sono già retrocesse, scenderà in B un'altra squadra tra Cagliari (33 punti), Udinese (34), Crotone (34), Chievo (34), Spal (35), Bologna (39). Per la squadra di Donadoni la salvezza è a un passo, visto che il Cagliari potrebbe raggiungerla a quota 39 solo con due vittorie nelle ultime due giornate (e due sconfitte del Bologna), ma dovrebbe anche sanare una differenza reti peggiore (e di tanto: -10 il Bologna, -30 il Cagliari), che sarebbe il criterio utilizzato per decidere vista la parità negli scontri diretti.

La situazione delle altre è complessa, dato che ci sono 5 squadre raccolte in appena 3 punti e solo una retrocederà. Il Cagliari, al momento terz'ultimo, non ha un calendario semplice: Fiorentina in trasferta e poi Atalanta. Situazione difficile anche per il Crotone (che deve affrontare Lazio e Napoli).

Corsa all'Europa League: Milan o Atalanta?

Rossoneri con un punto in più in classifica (60 a 59) e scontro diretto in questa giornata, a Bergamo. All'ultima giornata, poi, l'Atalanta affronterà il Cagliari, mentre per il Milan ci sarà la Fiorentina. Proprio i viola (a 57 punti) possono ancora sperare nella qualificazione all'Europa League; il loro sogno, però, passa quasi inevitabilmente da una vittoria contro il Cagliari in questo turno. Dimostrazione di come la lotta per l'Europa League abbia ripercussioni su quella per la salvezza, e viceversa.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.