Juventus, 7 è anche il numero del "rimpianto": da CR7 alle finali di Champions

Serie A

Alfredo Corallo

Il numero 17 Lucas Vazquez e CR7: due casi in cui il "7" non è stato fortunato per la Juventus (foto Getty)
ronaldo_vazquez_ansa

Sette come gli scudetti vinti dalla Juventus negli ultimi sette anni, senza dimenticare il 2007 della rinascita (il ritorno in A) e i settimi posti che "partoriranno" il ciclo leggendario. Ma 7 sono anche le finali perse in Champions League (l'ultima nel 2017), il numero di maglia del "giustiziere" Cristiano Ronaldo e quel 17 di Lucas Vazquez che grida ancora giustizia...

Secondo la Scuola pitagorica il numero 7 simboleggiava la perfezione ciclica e tanto basterebbe a decifrare una tabella di marcia senza precedenti. E non è necessario addentrarsi in ulteriori e complicati calcoli esoterici, antroposofici, cabalistici o scomodare Platone per intuire quanto effettivamente il 7 abbia contato - e continui a significare - nella storia della Juve, fin dalle origini (fondata nel 1897). E perché sì, 7 sono gli scudetti, ma la rinascita post-Calciopoli si palesa nel 2007, l'anno del ritorno in Serie A; e il ciclo record dei bianconeri sboccia da un settimo posto, anzi due, che hanno preceduto la "creazione" di un vero e proprio miracolo. Ma 7 sono anche le finali di Coppa dei Campioni/Champions League "dilapidate" (l'ultima nel 2017) e, nella fattispecie, CR7 è l'angelo del "male" precipitato dal cielo sul destino della Juve a perpetrare quella maledizione europea fatalmente incarnata dal 17 di Lucas Vazquez, il simbolo dell'accanimento della dea bendata verso il "ribelle" Gigi Buffon, l'unico trofeo mancante alla sua inestimabile collezione. 

7 come 2007: la rinascita

Accanto alla medaglia di campione del mondo - nella famosa bacheca di Buffon - c'è un "Oro" di cui il portiere avrebbe fatto volentieri a meno, o forse no: perché se la Juventus è tornata più affamata che mai, è stato anche per la rabbia accumulata in una stagione vissuta dal campo come un'ingiustizia, quando, il 19 maggio del 2007 scocca il Big Bang: allo stadio di Arezzo i bianconeri di Didier Deschamps scrivono la prefazione di un nuovo, appassionante romanzo e c'è perfino Antonio Conte, che allena i toscani e recita la parte della comparsa, ma che da lì a poco sarà un assoluto protagonista della saga.

Settimi posti

Se il giorno della promozione costituisce il Big Bang, l'impatto della Juve nella massima serie altro non è che il brodo primordiale, l'antipasto alla "Grande bouffe": ma il ritorno immediato in Champions di Del Piero e compagni (indimenticabile la standing ovation del Bernabeu per Alex dopo la doppietta al Real nel 2008), i terzi posti conquistati durante l'interregno di Claudio Ranieri saranno soltanto un assaggio, mentre il digiuno nelle due stagioni successive - quelle dei settimi posti e di tanti bocconi amari - preludono a un momento epocale per l'universo bianconero: qualcosa di veramente grosso bolle in pentola.

7 scudetti 

A capo di questa rivoluzione viene designato un soldato con i gradi di capitano: Antonio Conte è l'uomo scelto dagli Agnelli per riportare la casata agli antichi fasti. Per farlo gli eredi della dinastia gli mettono a disposizione una fortezza che si rivelerà inespugnabile: lo Stadium. Un mecenate ambizioso (Beppe Marotta) regala a Conte un Maestro di fama mondiale (Andrea Pirlo) e a completare l'opera ci penserà il maggiore esponente della vecchia Scuola bianconera (Alex Del Piero). Sarà il primo di 3 capolavori, che diventeranno 7 con il nuovo conte, "Max": Massimiliano Allegri.

CR7, Lucas Vazquez (17) e le 7 finali

Allegri riesce nell'impresa che al suo predessore era sfuggita: spingersi Oltralpe fino alla finale di Champions League, per ben due volte. Ma nel 2015 deve arrendersi al Barcellona e successivamente al Real Madrid, in quel 2017 che fa rima con il sortilegio delle 7 finali perse nella storia del club dal 1973 alla disfatta di Cardiff, caduti sotto i colpi di Cristiano Ronaldo. Che, non contento, sarà il giustiziere della Juventus ai quarti dell'ultima edizione della competizione continentale: uscito tra gli applausi dell'Allianz all'andata per la rovesciata del secolo; glaciale CR7 nell'esecuzione dello "sfortunato" rigore procurato dal numero 17 Lucas Vazquez che al Bernabeu ha spezzato i sogni di Buffon e di tutto il popolo bianconero. Non sarà comunque un numero a rovinare la festa agli juventini, al contrario: benedetto sarà quel 7 da sbandierare all'Italia che non vince e ora non "gode" più, ma lo maledice!

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.