Napoli, Koulibaly: "Ancelotti è un maestro, quando parla lui si ascolta in silenzio. Gol alla Juve? Indimenticabile"

Serie A

Il difensore del Napoli, fresco di rinnovo fino al 2023, ha parlato a Radio Kiss Kiss: "Io e la mia famiglia qui stiamo benissimo. L'avvio di stagione? Stiamo cercando un nuovo equilibrio, col tempo saremo ancora più forti"

TORINO-NAPOLI MINUTO PER MINUTO

TORINO-NAPOLI, TUTTO QUELLO CHE C'è DA SAPERE

NAPOLI, A TORINO IPOTESI 4-4-2: LE PROBABILI FORMAZIONI

Cambiano gli allenatori, ma lui resta sempre il pilastro al centro della difesa del Napoli: Kalidou Koulibaly, fresco di rinnovo fino al 2023, ha parlato a Radio Kiss Kiss toccando diversi argomenti. Il centrale senegalese ha analizzato l'avvio di stagione degli azzurri, ha esaltato Ancelotti e rilanciato le ambizioni Champions nonostante il pareggio di Belgrado: "Peccato, contro la Stella Rossa meritavamo di più. Possiamo però rimettere le cose a posto vincendo contro il Liverpool: non dobbiamo avere paura, possiamo batterli". Anche grazie ad una difesa ritrovata, che dopo qualche sbandamento iniziale adesso è imbattuta da due partite: "Stiamo cercando un equilibrio, lo troveremo a poco a poco: cambiare allenatore è difficile, ma col tempo saremo ancora più forti. Ancelotti? Un maestro che sa quello di cui abbiamo bisogno, quando parla lui stiamo tutti zitti ad ascoltare cosa dice. Vincere tutte le partite è importante e lui ci sta dando questa mentalità, oltre a curare il nostro gioco".

Sulla trasferta di Torino, il Mondiale e il rinnovo

Il prossimo ostacolo per il Napoli è il Torino. Una città che evoca dolci ricordi in Koulibaly, autore del gol-vittoria allo scadere nell'ultima trasferta contro la Juventus: "Quella fu una notte indimenticabile, ma dobbiamo pensare a quest'anno e a questa trasferta, che sarà diffiicile: Zaza e Belotti sono due grandi attaccanti, ma noi non siamo da meno. I nostri avversari siamo noi stessi, dobbiamo essere concentrati e potremo vincere". Koulibaly ha parlato anche dell'ultimo Mondiale: nato in Francia, ma nazionale Senegalese, il difensore ha ammesso di aver tifato per i Campioni del Mondo: "Mi ha fatto piacere vederli vincere, ero un loro tifoso: hanno meritato. Il mio Mondiale? Un'esperienza incredibile, anche se siamo usciti ai gironi. Ne vorrei giocare un altro". Infine, la promessa mantenuta del rinnovo: "Sono stato di parola? Mi ritengo una persona vera, che voleva ripagare la fiducia. Ringrazio tutta la società, i giocatori, lo staff tecnico: essere qui mi rende felice, così come lo è la mia famiglia. Ho fiducia nel futuro, spero di ripagare in campo e nei prossimi cinque anni la loro fiducia".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche