Giudice Sportivo, gli squalificati in serie A per la quattordicesima giornata: due giornate a Ilicic

Serie A

Il Giudice Sportivo ha reso ufficiali le due giornate di squalifica per Josip Ilicic dell'Atalanta, che salterà le sfide contro Napoli e Udinese. Un turno a Ivan Juric, allenatore del Genoa. 15 mila euro di ammenda e diffida ai danni della Juve per cori a carattere discriminatorio. 10 mila a Roma e Udinese

ATALANTA-NAPOLI LIVE

All’indomani dell’ultima partita della 13^ giornata di Serie A, sono state rese ufficiali dalla Lega Calcio le decisioni del Giudice Sportivo relative agli squalificati per la prossima giornata di campionato. Ad avere la peggio è stato Josip Ilicic che, dopo il cartellino rosso ricevuto durante la sfida contro l’Empoli (“per aver rivolto espressioni e gesti offensivi all'arbitro che lo aveva ammonito”, cita il comunicato), dovrà stare fermo per due turni: una sanzione, questa, del tutto simile a quella comminata a Higuain dopo il rosso per proteste di Milan-Juventus. Una giornata di squalifica, invece, all’allenatore del Genoa Ivan Juric, anche nel suo caso per espressioni irriguardose nei confronti dell'arbitro e del quarto uomo. L'allenatore della Lazio, Simone Inzaghi, è stato infine sanzionato con 5mila euro di ammenda per proteste.

Juve, multa di 15mila euro per cori razzisti

Il Giudice Sportivo ha deciso poi di prendere provvedimenti nei confronti di più club, i cui tifosi sono stati puniti per aver intonato cori a carattere discriminatorio. L’ammenda più salata per la Juventus, multata di 15 mila euro. 10 euro a testa, invece, per Roma e Udinese. Sanzioni pecuniarie di minore entità sono state inflitte poi a Sampdoria (5mila euro), Atalanta e Bologna (3mila euro) per lancio in campo di bengala, petardi o di altri oggetti. 2mila infine al Parma per cori offensivi nei confronti dell'arbitro.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche