Napoli Frosinone, gol di Milik: la sua media è migliore rispetto a Insigne e Mertens. Ancelotti fa giocare tutti

Serie A

Gli azzurri travolgono il Frosinone e lo fanno grazie alla doppietta di Milik, ora a quota 7 in Serie A come i suoi due colleghi di reparto, Insigne e Mertens, ma avanti nella media gol rispetto ai minuti giocati. Ancelotti ha l'imbarazzo della scelta e fa crescere i suoi ruotando tutti e utilizzando l'intera rosa, più giovane che mai

LIVERPOOL-NAPOLI LIVE

NAPOLI-FROSINONE 4-0: GOL E HIGHLIGHTS

GHOULAM È TORNATO: "UN GIORNO SPECIALE"

La paura di sbagliare e allontanarsi dall'obiettivo c'era. Alla fine, però, il Napoli non ha sottovalutato l'incontro e ha sbrigato la pratica Frosinone con autorevolezza e una prestazione più che convincente. Il tutto a dispetto dell'ampio turnover adoperato da Carlo Ancelotti. "Questa poteva essere una partita-trappola come successo contro il Chievo" ha confermato a fine partita l'allenatore. I suoi ragazzi, nonostante qualche brevissimo calo di tensione mostrato nelle precedenti partite, continuano a crescere e lo fanno in modo compatto. Il mister di Reggio Emilia, infatti, sta puntando tantissimo sulla forza del gruppo, come dimostra l'utilizzo pressoché totale della sua rosa. Con l'impiego di Meret, Ghoulam e Younes nella sfidai ai ciociari, tutti gli elementi a disposizione di Ancelotti - tranne l'infortunato di lungodegenza, Chiriches - hanno collezionato almeno un gettone in questa prima parte di campionato. Ed è proprio sul ritorno in campo dei tre giocatori che la guida tecnica del Napoli si è soffermato nel post gara, sottolineandone l'importanza: "Meritano un plauso tutti loro perché si sono sacrificati molto e hanno lavorato sodo - ha spiegato -. È un segnale sicuramente positivo". Per il portiere e l'ex Ajax si è trattato dell'esordio assoluto con la maglia azzurra, mentre l'algerino era fermo da oltre un anno per la rottura del crociato e susseguente frattura della rotula. Il terzino 27enne ha subito lasciato il segno, fornendo due assist nella goleada inaugurata dal diagonale di Zielinski e dal missile di Ounas. Prima frazione di gioco dominata dai padroni di casa, variegati in campo e soprattutto molto giovani. L'11 schierato dal primo minuto, infatti, aveva un'età media di 25 anni e 243 giorni, il dato più basso mai registrato dagli azzurri dopo il settembre del 2009. Tra i titolari c'era anche Arkadiusz Milik ed è stato proprio il polacco a completare la festa con due reti nella ripresa. Una doppietta che gli permette di salire a quota 7 nella classifica marcatori della Serie A, al pari dei suoi partner offensivi: Insigne e Mertens. Un'altra statistica che evidenzia l'abbondanza di scelte su cui può contare il Napoli di Ancelotti, adesso miglior attacco insieme alla Juve con 32 centri.

La tripla arma del Napoli: nella legge del 7 regna Milik

Imbarazzo della scelta per l'allenatore classe '59, dunque, che fino a questo momento ha variato i suoi attaccanti, senza mai essere deluso da uno di loro. I tre tenori, infatti, a turno hanno trascinato gli azzurri e permesso loro di mantenere un gap di 8 punti dalla Juve capolista. Insigne ha aperto le danze stagionali, infilando i primi 6 gol dopo appena otto giornate e aggiungendoci poi l'ultimo in casa contro l'Empoli. Mertens si è preso lo spazio centrale, diventando - dopo la rete della vittoria ai danni del Milan - protagonista tra la 7^ e l'11^ giornata, chiusa dalla tripletta agli stessi toscani. In quest'ultimo periodo, invece, è tornato decisivo Milik, a segno appena entrato nella vittoriosa trasferta di Bergamo e poi due volte nel poker rifilato al Frosinone. L'insostituibile per Ancelotti è sicuramente il talento di Frattamaggiore, in gol anche tre volte in Champions e autore di cinque assist in A, uno in più rispetto allo score mostrato dal belga tra campionato ed Europa. Se la punta 24enne non si è ancora sbloccata in Coppa, può comunque vantare una media gol migliore rispetto ai suoi compagni di squadra. Il polacco ha infatti realizzato i suoi 7 centri in 728 minuti totali, ovvero uno ogni 104'. Mertens segna una rete ogni 119 minuti, mentre Insigne ha bisogno di 158 minuti. I gol dei due scugnizzi non sono di certo una sorpresa, ma la notizia più positiva è il rendimento di Milik che ha già superato il suo precedente primato. Nelle due prime stagioni in Italia, l'attaccante aveva già fatto intravedere le sue qualità, prima che un doppio infortunio - prima a un ginocchio e poi all'altro - interrompesse il suo cammino con largo anticipo. Per questo motivo rappresentava in estate un punto interrogativo che neanche la rete iniziale, siglata contro la Lazio, aveva risolto. Bisognava aspettarlo e il suo allenatore lo ha fatto. L'attesa ha ripagato Ancelotti che, adesso, può finalmente contare in pieno sul suo gigante.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche