Spalletti dopo Inter-Udinese: "Dovevamo lanciare un segnale. Icardi il centravanti perfetto"

Serie A
Luciano Spalletti (getty)

L'allenatore nerazzurro dopo l'1-0 all'Udinese: "C’era da mandare un segnale, possiamo ancora migliorare nell'intensità. Icardi? Completa il lavoro del centravanti perfetto, ha visto lo spazio per fare il cucchiaio". Su Marotta: "Io voglio difendere l'Inter sempre"

INTER, BASTA IL SOLITO ICARDI: 1-0 ALL'UDINESE

SERIE A LIVE, LA DIRETTAGOL

Basta il solito Mauro Icardi: l’Inter, dopo la batosta dell’eliminazione dalla Champions League, torna subito a vincere in campionato. 1-0 all’Udinese, grazie al rigore nel secondo tempo realizzato di cucchiaio dall’attaccante argentino. Soddisfatto della prestazione dei suoi Luciano Spalletti, che nel post partita ha parlato così: “Non è paura di non sbloccare la partita, quando sbagli delle situazioni che ci sono capitate si diventa un pò troppo scolastici - ha spiegato - Manca l'intensità in alcuni momenti, dovevamo avere un pò più di impeto e ferocia nel fare le cose. Soltanto all'inizio del secondo tempo siamo calati, ci siamo un pò sbilanciati perchè volevamo vincere”. E ancora: “C’era da mandare un segnale per portare a casa questa partita e abbiamo preso qualche tiro di troppo ma la partita doveva essere incanalata alla vittoria per quanto fatto durante tutta la partita. A volte perdiamo dei palloni banali, alcuni palloni possiamo gestirli in maniera differente tenendo sul fiato sospeso i nostri tifosi. Ci sono queste gestione in area di rigore da rivedere, non abbiamo avuto la qualità corretta che ci voleva nel momento della finalizzazione. Il vincente deve essere cattivo e determinato, ora traggo il massimo da quella che è la scelta che faccio e a volte si incasinano delle situazioni che potevano essere gestite meglio”.

"Icardi perfetto, Joao Mario in crescita"

Spalletti ha poi proseguito parlando di Icardi, ancora decisivo: "Icardi completa quello che è il lavoro del centravanti perfetto , ci sono dei momenti in cui gli altri ti pressano bene e poi lui sa attaccare quello spazio. Lui nelle ultime due partite è stato perfetto. Il cucchiaio? Lui ha visto tutto lo spazio per fare quel gesto, è andato a fare un gesto sicuro al massimo perchè il portiere è partito un pò in anticipo. Marotta? Sono state riportate male le mie dichiarazioni. Io voglio difendere l'Inter sempre, la mia prima scelta che devo fare è difendere la mia squadra insieme ai nostri tifosi sempre”. Su Joao Mario: “Joao Mario è in crescita, ha delle caratteristiche ben precise che evidenziano delle qualità importanti ma a volte non riesce a cambiare atteggiamento su un pallone semplice come nel finale. In quelle situazioni va fatta la cosa più essenziale e pulita, non riesce a diventare un giocatore nervoso ed esecutivo e la gestisce sulle qualità che ha. Con tutte le partite che ci sono menomale che abbiamo un calciatore in più”, ha concluso.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche