Roma-Genoa, Prandelli: "Il rigore su Pandev è clamoroso, ci sentiamo defraudati"

Serie A

I rossoblù escono sconfitti dall'Olimpico, ma Cesare Prandelli recrimina sull'episodio avvenuto nel finale di gara. Per l'allenatore non ci sono dubbi, il contrasto tra Florenzi e Pandev doveva essere punito con il calcio di rigore: "Non capisco perché non sia stato rivisto"

ROMA-GENOA 3-2, GOL E HIGHLIGHTS

CONTATTO FLORENZI-PANDEV, IL VIDEO

Non va giù la sconfitta a Cesare Prandelli, che nel post-partita commenta il 3-2 subito a Roma dal suo Genoa e non nasconde l’amarezza per una decisione arbitrale che a suo parere avrebbe potuto cambiare l’esito della gara: "Non ho bisogno di rivedere l’episodio Florenzi-Pandev - ha dichiarato a Sky Calcio Club - l’ho visto molto bene. Questo è un rigore clamoroso, ci sentiamo defraudati. Ci sono stati degli errori tecnici arbitrali, non capisco perché non l’abbiano rivisto al Var". L’analisi si sposta poi sul resto della partita: "Volevamo sfruttare l’aspetto psicologico, sapevamo che la Roma era in difficoltà. Peccato non aver sfruttato tutte le situazioni potenziali, siamo stati imprecisi nell'ultimo passaggio: se guardiamo i numeri, abbiamo avuto più opportunità noi rispetto alla Roma, dobbiamo lavorare su questo aspetto".

"Quel gol preso alla fine del primo tempo..."

Un problema da correggere è quello che riguarda la fase difensiva: "Dobbiamo provare a mantenere più equilibrio perché prendiamo troppi gol. Lasciamo tanti spazi tra i reparti e se non sei attento a questi livelli queste cose le paghi. Credo però che la partita l'abbiamo persa a 5 secondi dalla fine del primo tempo e per un passaggio laterale abbiamo preso una ripartenza che ci ha condizionato tutto. Psicologicamente è stato decisivo, abbiamo perso la partita lì. Saremmo andati a riposo in vantaggio e avremmo potuto sfruttare il momento delicato della Roma". Infine, Prandelli traccia un primo mini-bilancio dopo due partite alla guida del Genoa: "Sono contento di essere qui, ho grandi motivazioni. La squadra potenzialmente è buona e con i giusti equilibri in fase difensiva potremo toglierci grosse soddisfazioni. Piatek e Kouamé sono attaccanti moderni che hanno grande sensibilità in area di rigore: Kouamé deve migliorare sul primo controllo e gestire l'ansia, ma le qualità di base sono straordinarie".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche