San Siro, Sala avvisa Inter e Milan: "Serve chiarezza. Demolizione? Meglio ristrutturarlo"

Serie A

Dopo le voci circa una sua possibile demolizione, il sindaco di Milan interviene ai microfoni di Sky Sport sulla questione stadio di Milano, che inizia a preoccupare anche il Cio in vista della cerimonia d'apertura dei Giochi 2026 che si dovrebbe tenere proprio al Meazza. Sala avverte le due società calcistiche: "Devono dirci cosa vogliono fare. Demolizione? Prima serve la proprietà. Io preferirei una ristrutturazione"

SAN SIRO DEMOLITO? GLI ALTRI GRANDI STADI RICOSTRUITI

MORATTI: NO ALLA DEMOLIZIONE, MEGLIO AVERE DUE STADI

La questione San Siro continua ad animare il dibattito milanese, tra l'ipotesi di costruire uno stadio nuovo e quella di ristrutturare un impianto storico. Ne parliano in questa giornata a Sky Sport 24, con un'edizione interamente dedicata, alle 19. Di seguito un passaggio dell’intervista esclusiva al Sindaco di Milano Giuseppe Sala, che stasera andrà in onda in versione integrale.

Sindaco Sala: "S. Siro? Rassicurato Cio su sede cerimonia"

Non è stato buttato giù neppure un frammento di cemento di San Siro che si è sollevato un polverone, arrivato sino ai vertici del CIO in ottica candidatura Milano-Cortina. Ecco perché il sindaco Sala chiede chiarezza a Milan e Inter: "È il momento che le squadre facciano chiarezza per lo meno a livello comunicativo, altrimenti in questo momento sembra sia il sindaco che vuole abbattere San Siro. Proprio no, anzi: io vorrei che fosse ristrutturato. Li sto invitando a mettersi di fronte ai mezzi di comunicazione e dire loro come la pensano". L'appello a Milan e Inter - intenzionate, secondo indiscrezioni, a costruire un nuovo stadio a Milano - arriva dal sindaco di Milano, Giuseppe Sala, che ne ha parlato con i cronisti oggi a margine di una conferenza stampa a Palazzo Marino. "Se le squadre hanno un'idea diversa" rispetto alla ristrutturazione "vengano da me a portare un progetto" aggiunge Sala. Un certo malumore dunque, da parte del primo cittadino, per quanto riguarda la gestione comunicativa della vicenda: "Li ho chiamati dicendo: 'Io mi sto prendendo per voi, anche attraverso i social, una valanga di insulti, ma guardate che non sono io il regista dell'operazione'". "Nel mio ruolo - constata - c'è anche da fare da cuscinetto su alcune polemiche, sono abituato e non mi spaventa, però in questo momento ho segnalato loro che sono io che ne sto risentendo da parte dei tifosi delle due squadre". Nel merito il sindaco precisa: "Non pongo ultimatum perché non è un'operazione semplice" e "non abbiamo ancora un appuntamento". Tuttavia rimangono fermi "due vincoli: che si rimanga sulla funzione d'uso attuale, anzi che la si allarghi, e che la proprietà rimanga del Comune".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport