Milan, Scaroni: "Senza Champions crescita più lenta. Siamo delusi"

Serie A

Il presidente rossonero a Radio Anch'io Sport su Rai Radio 1: "La Champions non era nei nostri piani, ma ci avevamo fatto la bocca e ora siamo delusi. La mancata qualificazione rallenterebbe il processo di crescita preventivato con Elliott"

MILAN-BOLOGNA LIVE

MILAN: CALENDARIO - RISULTATI - NEWS

Una sconfitta che rischia di compromettere la corsa alle prime quattro posizioni e che allontana i rossoneri dalla zona Champions: il Milan, battuto per 2-0 dal Torino, scivola in sesta posizione in classifica quando mancano quattro giornate al termine del campionato. “La squadra non gioca a buoni livelli da mesi, l’obiettivo Champions ieri si è allontanato ma continuiamo a inseguirlo”, le parole rilasciate a Radio Anch’io Sport su Rai Radio 1 dal presidente rossonero Paolo Scaroni. Momento delicato quello rossonero, con il futuro di Gattuso che torna in discussione: “Allenatore? Ho un Ad e due dirigenti come Leonardo e Maldini, e rispondono loro su questo tema. Il nostro progetto quest'anno non aveva in programma la Champions. Poi è diventata una sorpresa positiva, ci abbiamo fatto la bocca e adesso siamo delusi. Ora continuiamo a stare sulle sue tracce", ha proseguito il presidente rossonero. “Perdere la qualificazione in Champions avrebbe un impatto economico evidente e immediato, rallenterebbe il processo di crescita che avevamo preventivato con Elliott e che punta a rimettere il Milan dove noi vogliamo”, ha aggiunto Scaroni.

Scaroni sui cori razzisti durante Milan-Lazio

Il presidente rossonero Scaroni è poi tornato sui cori razzisti rivolti a Bakayoko durante la semifinale di ritorno di Coppa Italia tra Milan e Lazio a San Siro. La società rossonera ha inviato ai presidenti di Coni, Figc e Lega Calcio un video nel quale si contano 32 cori razzisti da parte di un gruppo di tifosi laziali durante il match della scorsa settimana: “Probabilmente non sono stati così vistosi da essere sentiti in campo, perchè i laziali erano pochi e i tifosi milanisti sono sempre rumorosi. Però l'episodio se si voleva, lo si poteva andare a vedere. Fermare o non fermare la partita è un terreno su cui non voglio muovermi, sono decisioni che devono prendere l'arbitro e il responsabile dell'ordine pubblico", ha concluso Scaroni.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport