San Siro, Berlusconi: "Assurdo demolirlo", la replica di Scaroni: "Parlano i sentimenti"

Serie A

L'ex proprietario del Milan è intervenuto nel dibattito sul futuro dello stadio Meazza: "Serve romanticismo, possono costruire un altro stadio e lasciare in piedi San Siro". Il commento del presidente Scaroni: "Ha parlato il Berlusconi romantico, che lì ha vinto tanti trofei"

LE NEWS DI SKY SPORT SU WHATSAPP

IL MONZA A LEZIONE DA BERLUSCONI. FOTO

IL PROGETTO DEL NUOVO SAN SIRO

Con le olimpiadi invernali 2026 conquistate da Milano e la spinta da parte del comune e dei due club, continua a far discutere il destino di San Siro – nell'eterna battaglia tra nostalgici che vogliono opporsi alla sua demolizione e innovatori che invece immaginano una nuova casa per Inter e Milan. Della prima categoria fa parte anche Silvio Berlusconi, che ha espresso la sua opinione riguardo il destino che potrebbe toccare al Meazza, consigliando una soluzione alternativa: “Ne costruiscano pure un altro – spiega lo storico proprietario dei rossoneri – ma lasciando San Siro in piedi e con altre funzioni. Mi chiedo come si fa a demolire una struttura che ha fatto vibrare il cuore di nerazzurri e milanisti per decenni? Un posto dove abbiamo conseguito così tante vittorie? Anche il cuore ha la sua parte”. Anche il sindaco Beppe Sala aveva più volte confermato il suo essere contrario all’idea di abbattere lo stadio, sulla falsariga di quanto detto dall'attuale proprietario del Monza: “Non l’ho sentito a riguardo – racconta Berlusconi – è la prima volta che parlo del destino di San Siro. Non sono dotato di poteri tali da potermi opporre, ma spero che la ragione e anche un po’ il romanticismo li porti a non scegliere la demolizione”. A quel punto bisognerà trovare un’area comoda da raggiungere, nella quale costruire uno stadio di capienza comparabile a quella attuale: “60mila posti sono pochi, non basteranno mai: per alcune partite abbiamo avuto richieste che hanno superato le 100mila persone”. Una dimensione non garantita neanche dallo stesso San Siro, a cui Berlusconi e tanti tifosi nostalgici restano molto affezionati.

La replica di Scaroni: "Ha parlato il Berlusconi sentimentale"

A replicare e spiegare le parole dello storico proprietario del Milan ci ha pensato l’attuale presidente dei rossoneri Paolo Scaroni, che ha commentato all’ANSA le parole su San Siro da parte di Berlusconi: “Cosa penso del suo commento? Posso dire che ne ho parlato con lui e mi ha confermato che a parlare era il Berlusconi sentimentale, che non può dimenticare i tanti successi ottenuti a San Siro dal suo Milan”.

I più letti