Milan, i numeri della crisi: pochi gol ed Europa più lontana, ma c'è ancora tempo

Serie A

Peppe Di Stefano

Pochi punti, un allenatore già cambiato, un attacco spuntato, una classifica impietosa e ora anche un calendario difficile da affrontare. L'inizio di stagione del Milan è un fallimento, ma è ancora presto per alzare bandiera bianca

Per il momento, il mondo Milan è un fallimento generale. Le cose vanno malissimo in questo inizio complicatissimo di stagione. Dal campo agli equilibri fuori campo. Senza Europa e con già un cambio di guida tecnica (via Giampaolo dentro Pioli), il bilancio della squadra in campionato è sintetizzato in 5 lettere: crisi. 9 gare, 10 punti, 12esimo posto in classifica, +3 sulla zona retrocessione. L'Europa appare un miraggio: -7 dalla zona Champions League e -5 dalla zona Europa League.

Il Milan appare distratto. In confusione. Vince poco e, quando vince, vince male. E segna pochissimo. I rossoneri sono il quintultimo attacco di tutta la serie A: 9 reti in 9 gare, 4 delle quali giocate contro Brescia, Verona, Lecce e Genoa e 3 contro Udinese, Torino e Fiorentina, club oggi non di prima fascia. C'è qualcosa, forse più di qualcosa, che non va. E con all'orizzonte la Spal, ma soprattutto il trittico Lazio, Juve e Napoli, il futuro prossimo fa paura. Mancano 29 giornate alla fine del campionato, tante, troppi mesi, per alzare bandiera bianca già a fine ottobre. Ma serve un cambio di rotta. Serve un Milan differente. Nelle gambe e nella testa. E magari più compatto, in campo e tra tutte le differenti anime di una storica società come il Milan, che deve trovare la strada giusta per abbassare i toni, resettare e ripartire. Da tutti i punti di vista.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport