Marani: "Cellino su Balotelli, battuta riuscita male. SuperMario ora è al bivio"

Serie A
Matteo Marani

Matteo Marani

Matteo Marani commenta l'uscita del presidente Cellino su Balotelli e il momento dell'attaccante del Brescia. "Roberto Baggio andò a Brescia capendo che occorreva portare tutta la sua classe superiore per trascinare la squadra; Balotelli aveva un'investitura simile, ma non lo sta facendo"

L’ho riascoltata diverse volte, per cercare di capire quale fosse il fine: e non l’ho capito. Alla fine penso che quella di Cellino su Balotelli sia stata una battuta sbagliata, che non è riuscita, uscita molto molto male. Forse il clima “conviviale” che si era creato con i giornalisti in quella occasione l’ha spinto a parlare così, forse cercava di attirare qualche simpatia, ma la verità è che ne è uscito malissimo.
 

Merita poi un’analisi a parte il momento di Balotelli: per essere la fine di novembre, ripensando che solo due mesi e mezzo fa Cellino in conferenza presentava Balotelli come l’uomo su cui investiva tutto dopo il ritorno in A del Brescia, se oggi la situazione è questa significa che Balotelli ha fatto davvero molta fatica a inserirsi nel gruppo, e di fatto ancora non ci è entrato.


Ora Balotelli è a un bivio. A Brescia ci andò anche Roberto Baggio, che capì che occorreva portare tutta la sua classe superiore per trascinare la squadra; un Brescia più forte di quello di oggi, certo, ma Baggio ci riuscì; Balotelli credo che non stia facendo tutto ciò. Se ha scelto Brescia doveva farlo convinto al 100%, sapendo che aveva un’investitura per cercare di riportare il club della sua città a un certo livello, e tutto questo non sta succedendo. Se inizia a pensare ad altre destinazioni, probabilmente abbiamo sbagliato per l’ennesima volta.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche