Adailton a Casa Sky Sport: "Il Verona è la squadra rivelazione dell’anno"

Serie A

Il brasiliano, ex di Verona, Genoa e Bologna, è stato ospite di Casa Sky Sport: "Nessuno si aspettava un Verona così, penso sia la rivelazione della stagione, anche perché la promozione non era stata schiacciante. Ho un debole per Orsolini. Mihajlovic ha mostrato a tutti la sua forza"

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI IN DIRETTA

Dodici anni in Italia, tra il 1997 e il 2010, sia in Serie A che in Serie B, in cui ha segnato 81 reti. Adailton è stato uno dei simboli del nostro calcio di inizio millennio, con le maglie di Parma, Verona, Genoa e Bologna. In particolare, ha vestito la maglia dei veneti per sette stagioni. "Sono stati anni veramente belli, dove sono cresciuto come uomo e come giocatore. Ho trovato una città e una società speciale, che porto ancora nel cuore. Il Bentegodi lo sento ancora come casa mia, ci ho giocato tante partite e segnato tanti gol, ho vissuto delle emozioni indimenticabili e che non possono essere banali. C'è un gruppo che si chiama Hellas Fathers che sicuramente mi starà vedendo perché andavo insieme agli altri genitori a portare i figli alla scuola calcio del Verona" ha raccontato a Casa Sky Sport. Per poi soffermarsi sul momento attuale della squadra: "Conosco Juric, abbiamo anche giocato insieme al Genoa e quando ho sentito che aveva scelto di venire a Verona ad allenare ho pensato subito che fosse il posto adatto per lui, conoscendo anche il suo carattere e lo spirito della squadra. Quest'anno credo che abbia dimostrato di saper trasformare giocatori in cui nessuno crede in una squadra forte. Molti erano sottovalutati, ma lui li ha messi insieme e dato loro fiducia con un'idea di gioco aggressiva, senza paura di giocarsela anche contro le grandi squadre. È la squadra rivelazione di quest'anno secondo me, anche perché la promozione dalla B non è stata schiacciante, ma è passata per i playoff. Il merito è suo e della società che hanno lavorato molto bene".

L’anno speciale del Bologna

"Seguo da sempre la Serie A, non ho mai smesso. Seguo molto il Bologna, quest'anno è stato molto particolare, con tutta la vicenda di Mihajlovic vissuta insieme alla squadra e alla società. Ha dimostrato non solo al Bologna, ma a tutta l'Italia la forza che una persona deve avere nel superare le difficoltà e stare sempre a credere e non mollare mai. Oggi tutti noi viviamo una situazione difficile, in tutto il mondo, e lui ha dimostrato personalmente che non si deve mollare e che alla fine se ne viene fuori. È stato un anno speciale per il Bologna, è stato veramente bello rivedere Sinisa in panchina" ha proseguito Adailton. Il brasiliano ha dedicato un pensiero ad Orsolini, uno dei giovani più promettenti della Serie A: "Mi piace molto, penso sia un ragazzo che sta crescendo anno dopo anno, ha molta qualità e può crescere ancora tanto. Poi ce ne sono altri, come Zaniolo che ormai si è già affermato come un giocatore di classe a Roma. È il futuro anche della Nazionale italiana. Orsolini è mancino come me, quindi ho un debole per lui".

Il miglior tiratore al Genoa

Uno spettatore da casa gli ha chiesto chi tirasse meglio le punizioni al Genoa, se lui o Leon. Adailton non ha avuto dubbi: "Sicuramente io! Scherzi a parte, Leon era bravissimo ma calciavo meglio: in allenamento vincevo un sacco di scommesse con lui. Diciamo che non potendosi difendere in questo momento, è più facile per me (ride, ndr)".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche