Serie A, giovedi la riunione decisiva con il ministro Spadafora per la ripresa

Serie A
Alessandro Alciato

Alessandro Alciato

©Getty

Oggi l'incontro decisivo per la ripresa della Serie A. Alle 18.30 il Ministro Spadafora si confronterà con Gravina e tutti i presidenti delle componenti della Federcalcio per stabilire il futuro del campionato

RIPRESA SERIE A, LE NEWS LIVE SULLA RIUNIONE DECISIVA

CORONAVIRUS, GLI AGGIORNAMENTI LIVE

Giovedì 28 maggio, ore 18.30. Ormai ci siamo. Il conto alla rovescia verso un appuntamento ripetuto come un mantra sta per scadere. Quindi, si sta per decidere se la Serie A ripartirà oppure no. L’incontro decisivo è programmato da tempo, sarà ristretto per numero di persone, eppure allargato a tutto il mondo del calcio. A fare gli onori di casa – seppur virtuale, visto che la riunione avverrà in videoconferenza – sarà il ministro dello Sport Spadafora, accompagnato da alcuni membri del suo staff. Dall’altra parte dello schermo, a partire da Gravina, si troveranno tutti i presidenti delle componenti della Federcalcio: Dal Pino per la A, Balata per la B, Ghirelli per la C, Sibilia per i Dilettanti, Tommasi per i calciatori, Ulivieri per gli allenatori e Nicchi per gli arbitri. La domanda è semplice: si ricomincia? Più complessa e tortuosa la strada che ha portato alla risposta, che sta per essere svelata.

 

Una risposta da 700 milioni di euro, o giù di lì. Lo ha fatto capire bene Gravina, attraverso le dichiarazioni rilasciate al magazine dell’Osservatorio Economico e Sociale: “Solo il ritorno in campo consente di attutire il crollo dei ricavi sul breve periodo, stimabili altrimenti in oltre 700 milioni, più di 500 generati dal blocco del Covid-19”. Perché il calcio è sentimento, e ci mancherebbe altro, ma non solo. Ed è un segnale di ripartenza del quale il Paese non può che beneficiare.

 

Sulla decisione di Spadafora non influirà – se non in minima parte – quanto sta accadendo a Bologna, dove una sospetta positività al Coronavirus sta coinvolgendo un membro dello staff. Nelle prossime ore la squadra accantonerà le sedute collettive per tornare a quelle individuali e, nel caso in cui la positività venisse confermata, andrebbe in ritiro, pur continuando a lavorare. Come prevede il protocollo per gli allenamenti. Passando a quello per le partite, ancora in attesa di validazione del Comitato Tecnico Scientifico, non è detto che il parere definitivo arrivi prima dell’inizio della riunione fra Spadafora e il mondo del calcio.

 

Giovedì 28 maggio, ore 18.30. E non c'è bisogno di aggiungere altro.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche