Filippo Inzaghi dopo Benevento-Lazio: "Gara strana, di solito esulto ai gol della Lazio"

Serie A
©Getty

Un Filippo Inzaghi emozionatissimo a fine gara per il punto importante preso contro la Lazio e per l'emozioni provate nella sfida a suo fratello Simone: "E' stato strano, io sono il suo primo tifoso ed esulto per i suoi gol". Sulla sua squadra: "I miei giocatori mi stanno sorprendendo, giocare così da matricola in Serie A non è da tutti"

CORONAVIRUS, NEWS E DATI IN TEMPO REALE

Un punto molto soddisfacente per il suo Benevento in una gara, quella contro la Lazio del fratello Simone, dal sapore tutto particolare. Filippo Inzaghi parla dell'emozioni che il match del Vigorito ha saputo regalargli a 360°: "Non posso dire niente a questi ragazzi, sarebbe cercare il pelo nell’uovo, mi stanno regalando delle soddisfazioni, sono fantastici - dice - I giocatori della Lazio sono extraterrestri, noi dobbiamo continuare su questa strada perché tirare sette volte in porta a questa Lazio che è tra le prime sedici d’Europa non è certo semplice. Oggi abbiamo messo un 2001 centravanti (Di Serio ndr) e a momenti segna un gol. Siamo ripagati del lavoro che facciamo tutti i giorni".

approfondimento

Il Benevento rallenta la Lazio: 1-1 tra Inzaghi

Inevitabile soffermarsi sulle emozioni provate nella sfida in famiglia: "Non ho sentito ancora nessuno, era una gara strana, giocare contro la squadra di mio fratello per il quale faccio il tifo e per cui esulto a ogni gol - dice ancora - In questi giorni ho trovato una foto con me e Simone a Piacenza mentre andavamo allo stadio per farci le foto con i giocatori della prima squadra. Poi i miei genitori, i miei nipoti, i suoi figli. Questa è l’essenza del calcio, è stata dura essere avversari, ho provato a concentrarmi sulla mia squadra e basta". Ed ancora: "Ieri sera ci siamo chiamati a mezzanotte ed eravamo un po’ in imbarazzo nel dirci le cose perché di solito ci diciamo cosa abbiamo preparato ma ci amiamo troppo e credo che nessuno dei due abbia esultato ai gol stasera".


Tornando alla partita, l'elogio di Filippo Inzaghi è tutto per i suoi giocatori: "I miei giocatori mi stanno sorprendendo, mi fanno essere orgoglioso, pensare di giocare così da matricola in Serie A... Ci speravo ma stanno andando oltre sapendo che i piedi devono essere a terra. Se giochi così i risultati arrivano anche con squadre che probabilmente sono fuori portata e poi puoi perdere perché gli altri hanno dei grandi campioni, i miei è da poco che giocano in Serie A. Giocatori che si erano accontentati perché qualcuno aveva fatto credere loro di essere meno forti di quello che sono, io ci ho creduto e c’è soddisfazione. Ho sperato che nel secondo tempo ci fosse anche la zampata, siamo in un buon momento psico-fisico e la ciliegina sarebbe stata il gol del ragazzino (Di Serio ndr) che è un 2001 ed è bravo, sono soddisfazioni anche per la società".