FIGC, Gravina si ricandida: "Il mio 4-3-3 per il rilancio del calcio italiano"

Serie A

Il presidente uscente ha presentato la sua nuova candidatura alla guida della Federcalcio: "Regole, sostenibilità, giovani e riforma dei campionati: così rilancio il calcio italiano. Voterò Malagò alla presidenza del Coni". Ai microfoni di Sky Sport parla del ritorno dei tifosi negli stadi: "Sarebbe bello partire dai vaccinati". E sul rinnovo del Ct Mancini: "Ha grande amore per la Nazionale, incontro a breve"

LO SPETTACOLO DELLA SERIE A: IN CAMPO PER LA 17^ GIORNATA

"Ho depositato stamattina la mia candidatura alla presidenza della Federcalcio". Lo annuncia il presidente della Figc Gabriele Gravina, in un incontro con i giornalisti a via Allegri. 'Una partita per il futuro', il titolo della piattaforma programmatica di Gravina, che in 128 pagine ha riassunto così il suo schema: "Giocheremo con un modulo offensivo e tutto votato all'attacco - precisa il numero uno del calcio uscente - un mio 4-3-3 per il rilancio del calcio italiano. In difesa il sistema delle regole, in attacco punta centrale la sostenibilità, ai lati il patrimonio dei nostri giovani e la riforma dei campionati". A sostenerlo "la quasi unanimità di cinque componenti: le tre leghe professionistiche e le due componenti tecniche di calciatori e allenatori. Una dimostrazione di grande stima e considerazione", conclude Gravina.

"Voterò Malagò al Coni, con lui rapporto costruttivo"

approfondimento

Gravina: "Momenti duri, ma lo sport ha ripreso"

Nell’incontro con i giornalisti che si è tenuto a via Allegri durante il quale ha annunciato la sua ricandidatura alla presidenza della Federcalcio, Gravina ha confermato l’appoggio a Malagò nella sua candidatura alla presidenza del Coni. "Con Malagò c’è sempre stata dialettica. Ci possono essere condivisione e anche contrasto, ma è proprio grazie a questo che il nostro è sempre stato un rapporto costruttivo e a vantaggio di tutto lo sport italiano. Per questo appoggio la sua candidatura alla presidenza del Coni", ha affermato Gravina.

"Ritorno negli stadi? Iniziamo dai vaccinati"

leggi anche

Appello Coni-Figc-Lega: "Aiutateci a rifare stadi"

Ai microfoni di Sky Sport Gravina ha parlato anche delle sue idee per quanto riguarda il possibile ritorno dei tifosi sugli spalti degli stadi italiani: "In tempi rapidi potremmo arrivare ad avere una piccola presenza all'interno degli stadi. Ho auspicato come messaggio per il Paese che tutti i vaccinati contro il Covid-19 potessero partecipare alle competizioni sportive. Sarebbe un premio straordinario per i medici, per tutti gli operatori sanitari che sono nella prima fascia di persone coinvolte dal processo di vaccinazione".

"Rinnovo Mancini, ci incontreremo a breve"

Altro tasto toccato è quello riguardante il contratto del commissario tecnico della Nazionale italiana Roberto Mancini, in scadenza nel 2022: "Abbiamo un legame con lui per altri due anni ma sono convinto, valutando la sua sensibilità verso i colori della nostra Nazionale e l'orgoglio che è riuscito a far riscoprire ai nostri tifosi,  che agirà con il suo cuore e resterà legato alla Nazionale. Comunque ci incontreremo a breve".