Conte prima di Inter-Benevento: "Non ho chiesto io Dzeko. Sanchez resti concentrato"

Serie A

L'allenatore nerazzurro commenta così il possibile scambio con la Roma tra il bosniaco e Alexis Sanchez: "Dzeko non è un mio capriccio, io quest'anno ho influito poco su tutte le situazioni. Se poi qualcuno è scontento e chiede di andare via allora si vedrà". E su Eriksen: "Le punizioni? Da lui ci attendiamo un contributo maggiore anche durante la partita"

INTER-BENEVENTO LIVE

La sfida contro il Benevento in programma sabato sera a San Siro, ma in casa Inter tiene banco anche il mercato, con i lavori in corso con la Roma per uno scambio tra Edin Dzeko e Alexis Sanchez. Argomento affrontato anche da Antonio Conte in conferenza stampa: "Dzeko? Io non ho chiesto niente alla mia società, se qualcuno lo accosta all’Inter per mia volontà allora è lontano anni luce. Ogni volta che si parla di un giocatore sembra che sia un capriccio dell’allenatore, ma io ho influito poco su tutte le situazioni. Non parlo di Dzeko perché ho rispetto della Roma e dei miei ragazzi". Conte ha poi aggiunto: "Io ribadisco che i giocatori sono questi e rimarranno questi fino al termine della stagione. Se qualcuno non è contento e chiede di andare via è diverso: se poi ci saranno situazioni senza esborso economico si farà altrimenti non vedo cambiamenti. Sappiamo in che situazione siamo, inutile fare fumo o creare instabilità nella squadra, noi dobbiamo lavorare e stare zitti. Alexis Sanchez? E’ un giocatore dell’Inter e deve stare concentrato ed essere a disposizione della squadra", le parole dell’allenatore nerazzurro.

"Punizioni? Da Eriksen voglio contributo maggiore durante il match"

approfondimento

Conte: "Lukaku? Se si arrabbia mi fa solo piacere"

Conte torna poi sulle vicende di campo e sui miglioramenti chiesti alla sua squadra, specialmente per quando riguarda la manovra offensiva: "Possiamo migliorare con il lavoro, con le conclusioni e nell’ultimo passaggio. Creiamo tanto e a fine gara i portieri avversari sono i migliori in campo. Possiamo  e dobbiamo migliorare". Capitolo Eriksen, autore del gol decisivo su punizione nel derby contro il Milan in Coppa Italia: "Il calcio però è diverso dal rugby dove si fanno entrare i giocatori per battere i calci piazzati, da lui ci attendiamo un contributo anche sul calcio giocato durante la partita, non si può pensare di farlo giocare solo per tirare le punizioni. Sicuramente in tutti questi anno l'Inter non ha avuto uno specialista nelle punizioni". L’allenatore dell’Inter ha parlato poi delle condizioni di Vecino: "Con lui di comune accordo abbiamo deciso di fargli fare delle gare visto che abbiamo tante partite ravvicinate, sta lavorando e ci auguriamo che possa tornare al 100%. Sensi sta lavorando e sta cercando di calibrare bene i lavori che lo riguardano".

"Squalifica? Ho chiesto io di non presentare ricorso"

approfondimento

Quando Lukaku esaltava Ibra nel 2019. VIDEO

Conte che non sarà in panchina contro il Benevento perché squalificato: "Sono io che ho chiesto alla società di non fare ricorso, giuste o sbagliate queste situazioni vanno accettate. Ho un staff preparato e i miei giocatori dopo un anno e mezzo sanno quello che devono fare". Chiusura su quanto avvenuto tra Ibra e Lukaku, squalificati entrambi per un turno in Coppa Italia dal giudice sportivo: "Non so se ci sarà un'inchiesta della Procura e non mi interessa. Il mio compito è quello di allenare i giocatori. Romelu era in diffida e la squalifica è scattata col giallo", ha concluso Conte.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.