Lazio-Bologna, Mihajlovic: "Sarà uno shock tornare a giocare negli stadi pieni"

bologna

L'allenatore del Bologna alla vigilia della sfida contro la Lazio: "Se giochiamo come sappiamo e con un po' di fortuna chissà cosa può succedere. Mi aspetto che la mia squadra parta forte". Bologna-Lazio sabato alle 18.00 in diretta su Sky Sport Serie A

BOLOGNA-LAZIO LIVE

Il pareggio di Reggio Emilia con il Sassuolo ha lasciato il segno in casa Bologna: squalificato Hickey, Tomiyasu ai box per un affaticamento muscolare, mentre Dijks è rientrato in gruppo solo ieri. "Dietro abbiamo dei problemi", conferma Sinisa Mihajlovic, alla vigilia della sua sfida, ovvero quella con la Lazio di cui è stato e resta una bandiera.

 

"Se Tomiyasu le ha giocate tutte un motivo ci sarà, senza di lui perdiamo tanto. A forza di dire e scrivere che è l'uomo piu' impiegato del campionato alla fine si è fatto male". Ma non sta bene neppure la Lazio, reduce dal pesante ko in Champions con il Bayern Monaco: "Quando perdi così qualche certezza si incrina. Dovremo essere bravi ad aggredirli e a non far ritrovare al nostro avversario certezze. Sarà una partita aperta. Proveremo a fare una partita simile a quella dell'andata, in cui avemmo più possesso palla e più occasioni. Alla fine perdemmo: speriamo che questa volta cambi il risultato".

 

All'andata fu sconfitta per il Bologna, con recriminazioni per un errore del Var, che tolse un gol a Svanberg. E il Var è stato oggetto di discussione anche con il Sassuolo (per espulsione di Hickey), oltre che in settimana, per i torti subiti da Lazio e Atalanta in Europa: "Purtroppo succede a tutti. I capi del Var sono uno di Bologna e l'altro italiano. Non vorrei che per non favorire il Bologna e le italiane a volte magari andassero troppo dall'altra parte. Ma quello che dovevo dire l'ho già detto. Quando ci sono episodi mi arrabbio, ma finisce lì, non c'è e non vedo malafede. Credo solo che debba cambiare il rapporto con gli arbitri: li vorrei meno intoccabili, più portati al dialogo e a spiegare, come fa Orsato".
 

Chiede anche a Skov Olsen e Orsolini un salto in avanti, Mihajlovic, perché la fascia destra del suo attacco fatica a trovare un padrone: "Uno, Orsolini, è più sfrontato e incosciente: davanti è più pericoloso, ma pure più disattento in fase difensiva. L'altro, Skov, è più applicato e concentrato, ma non è sfrontato in fase offensiva. Mettendo insieme le qualità migliori di entrambi ne verrebbe un giocatore fortissimo. Dobbiamo farli diventare forti entrambi". 

 

Il 29 febbraio 2020 Lazio-Bologna, all'epoca giocata all'Olimpico, fu una delle ultime gare giocate davanti al pubblico. Il Covid avrebbe imposto di lì a poco il lockdown e lo stop del campionato, prima della ripresa estive a porte chiuse: "L'uomo è un animale che si abitua a tutto. Ci siamo abituati anche a giocare senza pubblico: all'inizio è stato uno shock, ora è normale. Sarà uno shock anche ricominciare a giocare in uno stadio pieno, per i giocatori".

 

Sarà uno shock bellissimo, che significherà ritorno alla normalità. E l'allenatore rossoblù non teme che la pandemia e il cambio di abitudini possano sottrarre spettatori al calcio: "Quando le Regioni sono gialle, chi è abituato ad andare al ristorante, a pranzo fuori ci è andato. Penso sarà lo stesso per il calcio. Quando ti vietano qualcosa, non vedi l'ora di tornare a farla: quando sarà passata la pandemia, la gente tornerà allo stadio. Poi, certo, devono esserci le strutture giuste per poterli ospitare".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport