Spezia, Ricci e la convocazione in Nazionale: "Non ci credevo, stanotte non ci ho dormito"

Serie A

Roberto Mancini ha convocato per la prima volta il centrocampista dello Spezia in vista degli impegni di qualificazione mondiale: "Quando la società mi ha chiamato ero emozionato, non ci credevo. Non rimpiango il mio percorso, cerco di godermi ogni momento e dare il massimo"

Tra i trentotto giocatori convocati da Roberto Mancini per gli impegni di qualificazione mondiale contro Irlanda del Nord, Bulgaria e Lituania c'è chi vestirà l'azzurro della nazionale maggiore per la prima volta: si tratta di Rafael Toloi e Matteo Ricci. Per il centrocampista dello Spezia è il coronamento di un percorso iniziato in Liguria nel 2018 che lo ha portato a essere uno dei pilastri della formazione di Vincenzo Italiano in Serie A. "Stanotte non ho dormito tanto - ammette il centrocampista dello Spezia a Sky Sport - Quando mi ha chiamato la società ero emozionato. Non ci credevo, sono rimasto incredulo, un'emozione unica". 

"Rivincita? Non rimpiango il mio percorso"

approfondimento

Italia, prima convocazione per Toloi e Ricci

 

Matteo Ricci, fratello gemello di Federico, oggi al Monza, vanta ventitré presenze in stagione tra campionato e Coppa Italia. È cresciuto nel settore giovanile della Roma. Poi cinque anni in prestito tra Serie B e Lega Pro, su e giù per l'Italia vestendo le maglie di Grosseto, Carpi, Pisa, Pistoiese, Perugia e Salernitana. Nel 2018 la chiamata dello Spezia che torna ad avere un giocatore in nazionale 85 anni dopo Luigi Scarabello. "Io non rimpiango niente del mio percorso - prosegue Ricci - mi è servito tutto quello che ho fatto negli anni precedenti, quindi cerco di godermi ogni momento e dare il massimo".