Fiorentina-Atalanta, Gasperini: "Tre passi importanti. Ilicic è un grande, dove va?"

atalanta
©LaPresse

L'allenatore nerazzurro dopo la vittoria contro la viola: "Abbiamo creato tantissimo e a un certo punto abbiamo rischiato di non vincerla. Adesso c'è una giornata in meno, ci sarà una settimana calda. Per la Champions gli scontri diretti saranno determinanti, valgono il doppio. Ilicic per me è un grande, siamo legati e affezionati: dove deve andare?"

 

FIORENTINA-ATALANTA: GOL E HIGHLIGHTS

L'Atalanta risponde alle dirette concorrenti per la Champions League con la vittoria contro la Fiorentina. "Hanno vinto tutte, mancavamo solo noi" ammette l'allenatore dei nerazzurri Gian Piero Gasperini dopo la partita del Franchi, vinta grazie alla doppietta di Duvan Zapata e al rigore trasformato da Ilicic. Da 0-2 a 2-2, fino al tris finale: una partita non semplice per la Dea: "Abbiamo creato tantissimo e a un certo punto abbiamo rischiato di non vincere - spiega Gasperini a Sky Sport -  Io sono soddisfatto della squadra, la Fiorentina ha giocato con agonismo e ardore, c'era tanto nervosismo soprattutto da parte loro. Siamo stati bravi perché siamo tornati in vantaggio e siamo riusciti a creare tante occasioni. Abbiamo fatto tre passi importanti e la classifica è rimasta la stessa di stamattina. C'è una giornata in meno, adesso ci sarà una settimana molto calda". Sette giorni che porteranno alla sfida contro la Juventus, uno dei tre scontri diretti che attende l'Atalanta da qui alla fine del campionato nella lotta per la Champions: "Ho sempre pensato alla regolarità, ma adesso gli scontri diretti valgono doppio. Possono avere un peso determinante, anche se credo si arriverà fino all'ultima settimana".

"Siamo legati e affezionati a Ilicic"

leggi anche

L'Atalanta si riprende il 4° posto: 3-2 ai Viola

 

Gasperini ha speso parole d'elogio nei confronti di Ilicic, tornato al gol più di un mese dopo: "Ilicic per me è un grande, quello che accadrà il prossimo anno non lo so. Adesso gioca per noi e lo fa con entusiasmo e voglia. A volte fa delle buone partite, a volte ha dei periodi non molto positivi. A inizio stagione non pensavamo di averlo, tutto quello che ci da è oro colato. Siamo legati e affezionati a lui, dove deve andare? Lui è uno dei nostri, questo è un gruppo molto forte in tutte le sue componenti. C'è una solidità di squadra. Se lui gioca un po' meno è motivato e fa una grande partita".

 

"Scudetto? Inter e Juve hanno qualcosa in più"

 

In ottica futura, invece, l'allenatore si è soffermato sulle ambizioni dell'Atalanta e la possibilità in futuro di poter lottare per lo Scudetto: "Le ambizioni sono cresciute in base al lavoro di tutti - ammette Gasperini - siamo cresciuti in cinque anni raggiungendo traguardi sempre più alti. Non ci nascondiamo, adesso siamo in una fascia alta. Con le prime, ma non con le primissime. Inter e Juventus le ritengo con qualcosa in più. Le società con le quali lottiamo hanno dei budget molto alti, non si può competere dal lato economico acquistando giocatori come Lukaku o Osimhen. L'Atalanta ha anche un target di contratti più basso, ma non significa che non cercheremo di stare in questa fascia. Partire per vincere lo Scudetto mi sembra eccessivo".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Le news della tua squadra del cuore sempre in homepage

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti per personalizzare la tua homepage di Sky Sport