Marotta allontana la Juve: "Voglio aprire un ciclo di vittorie all'Inter". VIDEO

INTER

L’amministratore delegato dell’Inter ha rilasciato alcune dichiarazioni a Sky Sport: "La nostra situazione è simile a quando ero alla Juve, Conte ha saputo valorizzare la squadra e ha compattato l’area tecnica"

CROTONE-INTER LIVE

Il traguardo dello scudetto è a un passo, per l’Inter, e sarebbe il coronamento di un biennio di lavoro inaugurato con l’arrivo di Antonio Conte in panchina. "Vincere è sempre difficile": parola di Beppe Marotta, l’amministratore delegato dei nerazzurri. "Ricordo il ciclo nuovo alla Juventus dopo le difficoltà degli anni precedenti e abbiamo dovuto faticare, supportando Conte. Ora siamo in una situazione simile. L’allenatore ha valorizzato i giocatori e sappiamo cosa vuol dire vincere, ora ci siamo vicini. La tensione attuale è anche motivazione per toglierci una grandissima soddisfazione" ha spiegato in un'intervista a Sky Sport. Le difficoltà attuali vissute dai bianconeri hanno fatto sì che anche il nome di Marotta venisse accostato alla Juve: "No, vorrei aprire un ciclo anche qui. L’anno scorso siamo arrivati in finale di Europa League, non dimentichiamolo. E sarebbe bello continuare visto che siamo vicini ad un traguardo importante. Al di là delle contrazioni dei ricavi, a causa della pandemia che ha interrotto la crescita di tutte le squadre".

La visita di Zhang

vedi anche

Inter, la carica di Steven Zhang ad Appiano

Negli scorsi giorni, Steven Zhang è tornato a Milano col duplice obiettivo di stare vicino alla squadra e cominciare a pianificare anche l’avvenire. Marotta l’ha confermato: "Il presidente è venuto a Milano approfittando di una situazione più serena in relazione al Covid, così da poter vivere al nostro fianco il finale di stagione e per parlare al momento giusto del futuro. Ora siamo concentrati sulle partite che restano. Ha trovato un gruppo compatto e di questo i meriti sono esclusivamente di Conte che ha saputo dare motivazioni e obiettivi compattando l’area tecnica". Parole d’elogio anche per i giocatori, che hanno saputo vivere un’annata tra mille difficoltà. "Sono professionisti, non ci sono stati casi particolari. La situazione è stata difficile anche per Conte, ma la sua leadership si è vista tantissimo: tutti l’hanno seguito e se ci fosse stata qualche mela marcia sarebbe stata isolata dal gruppo. C’è senso di appartenenza e di attaccamento alla maglia" ha concluso Marotta.

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche