Inter campione, Antonio Conte: "Uno dei miei successi più importanti in carriera"

scudetto INTER
©LaPresse

Intervenuto in diretta a "90° minuto", l'allenatore nerazzurro ha commentato lo scudetto conquistato con quattro turni d'anticipo: "Non era una scelta facile venire all'Inter, dove comunque la squadra non era competitiva per vincere qualcosa d'importante. Ho accettato la sfida, ripagati tutti i sacrifici che abbiamo fatto". E sul futuro? "Ora godiamoci questo successo, tra un po' cominceremo a pensare al prossimo step"

INTER, LO SPECIALE SCUDETTO

"Questo è di sicuro uno dei miei successi più importanti in carriera. Non era una scelta facile venire all'Inter dove comunque la squadra non era competitiva per vincere qualcosa di importante. Ho accettato la sfida con grande voglia e penso che con il lavoro siamo stati ripagati di tutti i grandi sacrifici che abbiamo fatto". Ecco le primissime parole di Antonio Conte, allenatore dell’Inter che ha appena festeggiato lo scudetto con quattro turni d’anticipo. Intervenuto in diretta a "90° minuto", Conte si è soffermato sul suo percorso nerazzurro ma non solo.

Conte: "Ora godiamoci questo successo"

approfondimento

Scudetto Inter, tifosi in festa in Piazza Duomo

Antonio ha inoltre detto di concentrarsi sul presente: "Programmi futuri? Ora godiamoci questo successo. Da qui a fine stagione, per un mese, voglio solo godermela. Ci sentiamo finalmente rilassati e felici, per la squadra e i tifosi. In questi due anni abbiano lavorato tanto, siamo cresciuti molto e tra un po' cominceremo a pensare al prossimo step". E ancora: "A vincere è stata la squadra, la disponibilità che mi ha dato è stata totale. Si sono fidati del sottoscritto e del percorso che io ho indicato. Con tanto lavoro e impegno finalmente la barca siamo riusciti a riportarla in porto".

"Eliminazione Champions il momento chiave"

approfondimento

La festa dei giocatori sui social. FOTO-VIDEO

Analizzando la stagione dell’Inter, Antonio Conte ha individuato il passaggio decisivo: "Il momento chiave della stagione è stato quando siamo usciti dalla Champions, quando ci sono arrivate addosso un mare di critiche, fin troppo eccessive. Siamo stati bravi ad usare quelle critiche, anche perché questo gruppo non era abituato a vincere". Sull’evoluzione della squadra in stagione: "Non si può sempre attaccare, bisogna capire quando aggredire o aspettare. Quando bisognava attaccare si è fatto, quando si doveva attendere lo hanno fatto, le soluzioni sono state trovate sempre. Qui c'è stato il miglioramento". Conte ha infine voluto ringraziare, oltre alla sua famiglia, anche Lele Oriali: "Per me è stato veramente importante, mi ha aiutato tantissimo. E' la persona che ha influito maggiormente in questi due anni".