Chi è Antiste: gol, personalità e numeri per fare innamorare lo Spezia

Serie A
©Getty

Dall'incidente stradale a un anno fino all'esplosione al Tolosa ispirandosi agli idoli Henry e Lewandowski: chi è Janis Antiste, l'attaccante classe 2002 a cui Thiago Motta ha affidato l'attacco bianconero

Primo gol in Serie A grazie al quale la sua squadra passa in vantaggio contro la Juventus, davanti ai suoi tifosi, a soli 19 anni. Scontato dire che Janis Antiste ricorderà questo giorno a lungo: l'attaccante classe 2002 dello Spezia, nonostante la sconfitta della sua squadra contro gli uomini di Max Allegri, è risultato uno dei migliori in campo tra i ragazzi di Thiago Motta. Personalità, gamba e colpi, il prototipo perfetto dell'attaccante moderno, che ama stare al centro dell'attacco ma che non si fa problemi a partire dall'esterno per puntare l'uomo. 

L'esordio al Tolosa

Janis all'anagrafe, "Jaja" per gli amici. Gli stessi con i quali giocava amatorialmente, prima di passare a fare sul serio. A 17 anni il Tolosa lo chiama in prima squadra: scelta prematura direbbe qualcuno, ma non per un ragazzo che ha realizzato 21 gol e 15 assist in una stagione con l'Under17. Fuori categoria per i pari età, perfettamente a suo agio tra i grandi. Una pubalgia e il Covid frenano il suo percorso, con Antiste che torna a disputare una stagione completa nello scorso campionato di Ligue 2: 8 gol e 4 assist a referto, con le big d'Europa (tra le quali Milan e Atalanta) che iniziano a mettergli gli occhi addosso. 

L'incidente stradale a un anno

E pensare che Janis rischiò di morire quando aveva solo un anno. Il tutto a causa di un incidente in macchina durante una vacanza con i genitori. Miracolosamente nessuno si fece nulla: "Non ricordo niente, me lo hanno raccontato i miei genitori. La macchina era completamente distrutta, i soccorritori pensavano fossimo morti", raccontò l'attaccante francese. E con mamma e papà ha condiviso anche casa fino a qualche tempo fa, prima di ottenere il diploma di maturità francese: "Me l'hanno un po' tirato dietro...", commentò sorridendo.  

L'idolo Henry e il modello Lewandowski

leggi anche

La Juve si rialza al Picco: Spezia battuto 3-2

Gol, gol e ancora gol. Un ossessione per Antiste, che ora osserva Lewandowski. Ma l'attaccante del Bayern non è stata la prima fonte di ispirazione: il suo idolo, infatti, era Thierry Henry. Ore trascorse a guardare tutte le partite dell'ex Arsenal, soprattutto per concentrarsi su un particolare, il tiro a giro: "Quando lo faceva era pericolosissimo e io impazzivo". In estate l'arrivo in Italia con lo Spezia che se lo gode e il Sassuolo che spera possa esplodere definitivamente. Il club neroverde, infatti, avrà una corsia preferenziale nel caso in cui i bianconeri dovessero decidere di cederlo. L'impatto con il campionato italiano è stato buono, Thiago Motta punta molto su di lui e le ultime tre partite giocate dal primo minuto ne sono la dimostrazione. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche