Milan-Verona, Pioli: "Giroud e Calabria stanno bene. Ibra? Vedremo domani"

milan

L'allenatore del Milan ha fatto il punto sugli infortunati in vista del match contro il Verona: "La condizione di Ibra è in crescita, si è allenato in gruppo negli ultimi due giorni e lo valuteremo nell'ultimo allenamento. Calabria convocato, Giroud ha lavorato bene durante la sosta". Brahim Diaz non si allena per un'indisposizione. E sul dubbio portiere: "Giocherà Tatarusanu, è apprezzato da tutti e sfrutterà la sua occasione"

MILAN-VERONA LIVE

LE PROBABILI FORMAZIONI

Archiviata la sosta per le nazionali, ritorna il campionato con il programma dell'ottava giornata. Il Milan sarà impegnato sabato alle ore 20.45 a San Siro contro il Verona (diretta su Sky Sport Uno, Sky Sport Calcio e Sky Sport 251). Nella conferenza stampa della vigilia, Stefano Pioli ha presentato così il match contro i gialloblù.

Capita spesso che ci siano settimane in cui si parla poco della partita. Siete rimasti concentrati e al riparo da tutto?

"E' stata una sosta particolare, ma ormai ci siamo abituati. Ci siamo ritrovati tutti insieme solo ieri, ma ho visto l'attenzione giusta e credo che siamo pronti per una gara importante. Difficile, perchè il Verona viene da quattro risultati utili consecutivi, ci aspetta una squadra che sta bene e dovremo essere preparati a questo"

 

Lei non cerca mai alibi. E' stata una settimana particolare per tanti infortuni. Le nazionali hanno cancellato la prestazione di Bergamo? Com'è l'umore nonostante qualche defezione degli ultimi giorni?

"La squadra non ha dimenticato l'ultima prestazione. La sosta ci ha portato via tanti giocatori, ma abbiamo molto chiaro in testa ciò che abbiamo fatto a Bergamo. Affrontiamo un avversario molto simile dal punto di vista dell'aggressività e dovremo essere preparati a fornire una prestazione con tanta qualità e con grandi energie fisiche"

 

Come sta Ibrahimovic? Si potrà contare su di lui?

"Sta meglio. A inizio settimana ha iniziato a lavorare sul campo in forma individuale, ieri e oggi si è allenato con il gruppo. La seduta di domani mattina sarà fondamentale e decideremo cosa fare. Sicuramente se sarà convocato sarà una notizia molto importante per lui e per la squadra, ma la sua condizione è in crescita"

 

Come sta Giroud? L'attacco torna al completo?

"Olivier ha sfruttato bene questa sosta. Si sente libero dal problema alla schiena che ha avuto. Si sente meglio e per domani è disponibile"

 

Come sta Tatarusanu?

"Domani gioca Tatarusanu, è l'unica presenza che posso garantire per domani. E' un ottimo professionista e un grande portiere, apprezzato da tutti. E' pronto per sfruttare questa occasione"

 

Il Milan ha sempre avuto una sua identità, anche l'anno scorso. Ma quest'anno sembra esserci stato un passo in avanti dal punto di vista della pericolosità offensiva, cosa ne pensa?

"Dobbiamo continuare a cercare di essere pericolosi, chiaramente avere un'alta percentuale di realizzazione è importante e in questo tanti giocatori stanno migliorando. In questo senso, il nostro livello è cresciuto"

 

Calabria è convocabile per domani? Come ha visto Mirante?

"Calabria sta bene. Da tre giorni si allena con noi e sicuramente sarà convocato, penso anche che potrà scendere in campo. Mirante avrà bisogno di una settimana di lavoro in più perchè non è ancora pronto per giocare. Ma sono grato al club per il suo arrivo perchè ne avevamo bisogno. Sono contento del suo arrivo, ma dobbiamo aspettare qualche giorno"

 

Come hai visto i giocatori rientrati dalla Nazionale? In particolare a centrocampo

"Bennacer e Kessiè stanno bene. In queste ore abbiamo giocato tra di noi per capire le situazioni individuali, ma tutti i giocatori rientrati sono in buone condizioni"

 

Ora il Milan è tornato a essere un club ambito. Dove volete arrivare?

"Il blasone del Milan ha sempre fatto sì che fosse un club desiderabile da tanti giocatori. Adesso i risultati e le prestazioni sono più continui e vogliamo arrivare più in alto possibile. Ragioniamo partita per partita, ma ogni volta ci prepariamo benissimo per cercare di vincere sempre. Siamo il Milan, giochiamo in casa domani e prenderemo tanta energia anche dai nostri tifosi per vincere"

 

Nei precedenti, il gruppo ha sempre reagito bene a tante assenze. Che reazione c'è stata dopo i ko di Maignan e Theo Hernandez?

"La sfortuna esiste per chi si sente sfortunato. Noi ci sentiamo molto uniti e compatti, vogliamo stringere i denti e superare le difficoltà che possono essere gli avversari o gli infortuni. Ma vogliamo sfruttare queste difficoltà per dimostrare ulteriormente il nostro valore. L'abbiamo sempre fatto e dobbiamo cercare di farlo anche domani"

 

Come sta Brahim Diaz?

"Durante la sosta l'ho visto benissimo. Stamattina era un po' indisposto, vediamo per domani"

 

Le prestazioni con Atletico Madrid e Atalanta hanno portato a un ulteriore passo in avanti. E' vero che la squadra è cresciuta rispetto alla passata stagione?

"La squadra, grazie al lavoro fatto, è diventata più consapevole dei propri mezzi. Stiamo approfittando anche della crescita di alcuni singoli, che quest'anno sono sicuramente a un livello più alto. Abbiamo tutti più fiducia dentro la partita e questo ci serve a essere più squadra nel corso delle gare"

 

Qual è l'ingrediente per battere il Verona e quali errori non si devono commettere?

"Le difficoltà saranno tante perchè affrontiamo una squadra che sta bene, fisicamente e mentalmente. Chiaramente rischieranno qualcosa e dovremo essere bravi a sfruttare qualche spazio che ci concederanno. Contro avversari che pressano in modo così forte, muoversi bene diventa molto importante. Dovremo essere bravi a essere continui durante la partita. Ci saranno delle difficoltà, ma non dovremo mai perdere il filo conduttore e continuo a pensare che sia fondamentale non perdere punti con altre formazioni, oltre che gli scontri diretti"

 

Domani giocherà Ballo Tourè, vista l'assenza di Theo Hernandez?

"Accontentatevi di sapere che giocherà Tatarusanu. Ballo Tourè è tornato in buone condizioni dalla Nazionale. Ha avuto il suo tempo per adattarsi, è stato un po' timoroso contro il Venezia, ma gli è servito per prendere confidenza. E' pronto per dare il suo contributo. Ha grande velocità ed è più portato a spingere, ma è anche attento nella fase difensiva. E' un giocatore con buone potenzialità e ha bisogno del tempo necessario per capire anche qualche situazione nuova per lui"

 

Il Milan non aveva mai fatto così tanti punti dal 2003/04. Cosa manca per arrivare al livello di quella squadra?

"Per essere paragonati a quella squadra manca solo la vittoria del campionato. Quello era un Milan di altissimo livello, che aveva già vinto. Noi stiamo lavorando, abbiamo la convinzione di poter arrivare un giorno a vincere. Dopo sette partite abbiamo già fatto meglio dell'anno scorso, ma dipenderà tutto da quello che faremo domani. Dobbiamo scendere in campo come se fosse l'ultima partita di campionato e dovremo affrontare ogni partita con questa mentalità. Abbiamo tantissime qualità e fare una partita al massimo e poi tireremo le somme, domani come a fine stagione"

 

Come ha reagito la squadra all'assenza di Maignan?

"Queste situazioni sono incontrollabili e ci dispiace per Mike. L'abbiamo visto molto positivo e siamo convinti che tornerà più forte di prima. Il suo ingresso nella squadra è stato molto positivo, ma ho grande fiducia in Tatarusanu. La squadra dovrà essere squadra anche con elementi diversi. Non dovremo perdere l'equilibrio e sfruttare al meglio le caratteristiche di ogni singolo giocatore"

 

Quanto è importante il recupero di Krunic?

"E' molto importante. E' uno di quei giocatori che ha fatto un salto in avanti rispetto all'anno scorso. Può essere un giocatore che può fare tanti ruoli, tra questi anche quello di trequartista"

 

I tre punti di domani conteranno ancora di più visti gli scontri diretti delle altre squadre?

"Sono importanti per continuare sulla nostra strada. E' ancora troppo presto per guardare le avversarie, noi dobbiamo pensare a noi stessi e fare il meglio possibile"

 

Cosa cambia nel Verona di Tudor rispetto alle gestioni precedenti?

"Tudor sta ripercorrendo diverse situazioni del Verona di Juric dell'anno scorso. Ripartono molto bene con tre giocatori offensivi con caratteristiche diverse, ma molto importanti. E' un avversario che ha delle qualità, ma noi dovremo mettere in campo le nostre ed essere meglio di loro"

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche