Giampaolo, prima di Lazio-Sampdoria: "Il campionato non è finito, servono punti salvezza"

SAMPDORIA
©IPA/Fotogramma

L'allenatore blucerchiato ai canali ufficiali del club ligure: "Il nostro campionato non è finito con la vittoria nel derby. Dobbiamo pensare al nostro percorso e ottenere punti utili per la salvezza". Poi sulla Lazio di Sarri: "Squadra forte, allenata da uno dei migliori allenatori in Serie A. Servirà una prova eccellente". Calcio d'inizio sabato 7 maggio ore 20.45, in diretta su Sky Sport Uno, Sky Sport 4K e in streaming su NOW

L'entusiasmo non manca in casa Sampdoria dopo la vittoria contro nel derby il Genoa. Il club blucerchiato, tuttavia, è ancora alla ricerca di punti per raggiungere la salvezza. La prossima sfida sarà sabato 7 maggio contro la Lazio all'Olimpico, alle ore 20.45 (In diretta su Sky Sport Uno, Sky Sport 4K e in streaming su NOW). Ai canali ufficiali del club ligure, ha parlato l'allenatore Marco Giampaolo che avverte: "Il nostro campionato non si conclude con la vittoria del derby: è stato un tassello, ma dobbiamo ancora fare punti per ottenere la salvezza". Poi sul rush finale aggiunge: "Dobbiamo pensare di giocare le nostre partite e non quelle degli altri. Dobbiamo pensare a quello che è il nostro percorso e non fare calcoli, perché il pallone rotola e non si sa mai dove va a finire".

"Prestazione eccellente per battere la Lazio"

leggi anche

Il calendario della lotta salvezza

Contro la Lazio sarà una partita difficile per la Sampdoria, avverte Giampaolo: "La Lazio è una squadra forte, allenata da uno dei migliori allenatori d’Italia. Hanno cambiato la filosofia di gioco e si vede: c’è una matrice forte del pensiero di Sarri - aggiunge l'allenatore blucerchiato - So però che abbiamo bisogno di fare una prestazione eccellente e straordinaria sotto ogni punto di vista". Testa al campo, vietato farsi condizionare anche dagli episodi arbitrali, come la rete di Acerbi convalidata in Spezia-Lazio: "I margini di errore quando il cerchio si stringe sono ridotti per tutti: calciatori, allenatori e arbitri. Ogni piccolo errore viene amplificato, ma non dobbiamo pensare a queste cose. Noi dobbiamo avere un solo pensiero, senza farci distrarre: dobbiamo essere concentrati sulla nostra partita e sul nostro obiettivo".