Torino-Roma, Juric: "L'anno prossimo servono 10 giocatori". Video

torino
©IPA/Fotogramma

Dopo la sconfitta per 3-0 contro la Roma l'allenatore granata guarda al futuro: "Ho contato che l'anno prossimo abbiamo bisogno 10 giocatori. Se prendiamo Mandragora è uno, perché non lo ritengo un giocatore del Toro. Bremer sarà venduto. Belotti resta? Non lo so, abbiamo parlato la settimana scorsa. La società ha fatto la sua offerta e lui deciderà, credo in un paio di giorni"

TORINO-ROMA 0-3, GLI HIGHLIGHTS

"Ho contato che l'anno prossimo abbiamo bisogno 10 giocatori. Se prendiamo Mandragora è uno, perché non lo ritengo un giocatore del Toro. Bremer sarà venduto e ci sono tanti prestiti, quindi facendo i conti sono 10". Dopo la sconfitta contro la Roma Ivan Juric volta pagina e guarda alla prossima stagione. L'allenatore del Torino ha le idee chiare: "Ci vediamo lunedì, valutiamo tutte le cose con tranquillità. Spero che prenderemo la strada giusta. Con Vagnati parlo tutti i giorni e creiamo le idee, con il presidente ci vediamo l'anno prossimo e lui deciderà che strada prenderà la società. Mi prendo le responsabilità, dobbiamo fare ancora meglio. La gente ha passione e ossessione di andare o avvicinarsi in Europa, io vorrei provarci. I tifosi hanno bisogno di questo".

"Belotti resta? Non so. Bremer un affare"

leggi anche

Vagnati: "Per Bremer tante telefonate"

Spazio poi ai singoli: "Belotti resta? Non lo so, abbiamo parlato la settimana scorsa. La società ha fatto la sua offerta e lui deciderà, credo in un paio di giorni. Non ho però sensazioni". Va verso l'addio invece Bremer: "Chi lo prende fa un grandissimo affare, ha dominato il campionato - spiega Juric - si tratta di un ragazzo magnifico, che ama tanto il lavoro e ha voglia di migliorarsi. Vedevo in lui potenzialità inespresse e ha fatto una grossa stagione. Può giocare in ogni modo, sia con la difesa a 4 che a 3. Vedo che si usa sempre meno fare reparto, per esempio il Milan ha difensori che accorciano sempre e accettano l'uno contro uno. Un giocatore che ha fatto un campionato strepitoso con noi è Rodriguez, che non è Bremer ma ha un'intelligenza enorme".

"Anno bellissimo, bello il calore del tifo"

vedi anche

Torino-Roma 0-3: gli HIGHLIGHTS

Juric si sofferma poi sulla partita persa contro la Roma: "Fino al 30' siamo stati dentro poi abbiamo regalato due gol, magari per carenza di concentrazione. Però è stato bello il calore dello stadio, è un bel regalo il coro per me anche per gli stessi giocatori. Forse questa sconfitta ci serviva per valutare bene alcune cose. Non siamo al massimo e con squadre così paghi". Il Torino chiude il campionato con 50 punti: "E' stato un anno bellissimo - lo definisce Juric - faticoso ma con tanti punti". Con un messaggio per il futuro: "I giocatori migliorano tanto quando hai modo di lavorarci a lungo, l'ho visto a Verona. Però a Torino sapevo di avere tanti giocatori in scadenza tra prestiti e diritti di riscatto alti. La squadra ha fatto un campionato eccezionale, a livelli alti"