Inter, Marotta: "Fiducia totale a Inzaghi. Il sogno seconda stella è realizzabile"

inter

L'amministratore delegato dei nerazzurri ha parlato del suo allenatore: "Sta facendo un ottimo lavoro, sa allenare e gestire molto bene la squadra. Ogni sconfitta porta a un'analisi: questa maglia va onorata, mi dispiace per i tifosi che erano presenti allo stadio"

Fiducia totale a Simone Inzaghi. Giuseppe Marotta, amministratore delegato dell'Inter, ha pochi dubbi riguardo il suo allenatore: "Sta facendo un ottimo lavoro - ha dichiarato a Sky Sport 24 - sa allenare e gestire benissimo la squadra. Facciamo parte di un club importante e serve più accortezza da parte di tutti. Le tante novità contro il Bayern sono un messaggio di coraggio. Ora Inzaghi ha lo stress di dover gestire la rosa nel migliore dei modi per i tanti impegni da affrontare fino al 13 novembre, lo sta facendo nel migliore dei modi". Il dirigente, poi, parla della sconfitta in Champions League contro i tedeschi: "Questa maglia va onorata, mi dispiace per i tantissimi tifosi che erano presenti allo stadio. Abbiamo un obbligo: ripagarli nel migliore dei modi e non possiamo fare altro che crederci, questi errori ci serviranno per il futuro". 

"La seconda stella resta un sogno realizzabile"

leggi anche

Inzaghi: "Serviva partita perfetta, non c'è stata"

Marotta successivamente parla degli obiettivi stagionali: "L'Inter quando partecipa a una competizione ha l'obbligo di puntare al massimo, la seconda stella resta un sogno realizzabile. Dobbiamo essere consapevoli che avremo a che fare con avversari forti, ma questo non ci deve spaventare". Un commento anche sullo stato d'animo della squadra dopo l'inizio di stagione: "Sano realismo. Ogni sconfitta porta con sé un'analisi più attenta delle problematiche e il confronto fa parte dell'essere dirigente. Da ogni confronto nasce qualcosa di positivo per il futuro: bisogna migliorare sia a livello di singoli che di collettivo". In chiusura Marotta parla di Lukaku: "Non bisogna mai riporre tutte le proprie aspettative su un unico giocatore anche se si tratta di Romelu. Chi lo sostituisce deve essere all'altezza, ma so che abbiamo una squadra di professionisti".