La Lazio pensa ai rinnovi: vicino il sì di Pedro e Felipe Anderson

Serie A
Matteo Petrucci

Matteo Petrucci

In attesa della sezione di mercato di gennaio la Lazio si concentra su alcuni rinnovi considerati fondamentali da Maurizio Sarri. Già ufficiale quello di Lazzari è ormai in dirittura d'arrivo quello di Pedro mentre passi avanti si registrano anche per Felipe Anderson. Molto complicata invece la strada che porta ad un accordo ulteriore con Milinkovic Savic

Mercato probabilmente no, rinnovi sì. Sarri da questa sessione invernale vorrebbe come regalo un terzino di piede sinistro ma dovrà farsene una ragione. Storicamente la Lazio non ha mai amato il cosiddetto mercato di riparazione e il prossimo difficilmente farà eccezione. Trattenere più che acquistare; il club si sta concentrando prevalentemente sui rinnovi. Già ufficializzato quello di Lazzari fino al 2027, i prossimi in agenda sono quelli di Romero, maggiorenne da poche settimane, e Pedro. Sullo spagnolo la società ha già annunciato che eserciterà l'opzione di rinnovo per un altro anno ma servirà anche la piena volontà del diretto interessato

leggi anche

La Lazio cerca vice Immobile: nuova idea Cheddira

Per Cataldi e Zaccagni il prolungamento con ritocco dell'ingaggio rappresenterà anche un meritato riconoscimento per il loro rendimento, mentre era e rimane molto difficile quello di Milinkovic Savic. Scontato infine il sì di Felipe Anderson che ha già un accordo di massima con i biancocelesti. Il Felipe bis si sta addirittura rivelando migliore del primo. Sarri l'ha rivoluto con forza in biancoceleste e l'ha promosso a pieni voti. Guardare per credere: è l'unico della rosa sempre presente nelle 69 partite di Sarri da allenatore della Lazio. La sorpresa semmai è un'altra: ha superato anche l'esame da vice Immobile. Nonostante il ritorno in campo del centravanti titolare in questa settimana di ripresa a Formello l’allenatore ha continuato spesso a schierare il brasiliano nel ruolo di punta centrale. Rimarrà la prima alternativa a Immobile. Un tormentone in meno pensando al mercato di Gennaio.