Bari, Floro Flores: "Qui per tornare in Serie A!"

Serie B
fcd2667a-b96d-4a9a-88f7-a4ce90b8965c

Colpo per i biancorossi, preso l'attaccante in prestito dal Chievo. Idee chiare: "E' un momento particolare della mia carriera, avevo bisogno di stimoli importanti". Tifosi al settimo cielo: "Ho sospeso per qualche ora l'account Instagram, i tifosi mi hanno invaso con il loro entusiasmo, è stato bellissimo.

E alla fine arriva Bari: "Piazza da Serie A!". Antonio Floro Flores riparte dalla B con grandi obiettivi ed entusiasmo. Arriva in prestito dal Chievo, con l'obbligo di riscatto in caso di promozione. Gol ed esperienza, queste le parole dell'attaccante presentato oggi in sala stampa: "E' successo tutto in 48 ore, appena ho avuto un contatto con il ds Sogliano e le voci si sono diffuse, ho capito in che piazza stavo per arrivare". Passione vera: "Ho anche sospeso per qualche ora l'account Instagram, i tifosi mi hanno invaso con il loro entusiasmo, è stato bellissimo. Avrei potuto trovare anche alternative in serie A, ma questa non è una piazza di B. Io sono qua per cercare di riportarla dove merita. Il tifo mette pressione? Io ne avevo bisogno, ho accettato anche per questo". La sconfitta di Cittadella è già alle spalle: "Non abbiamo parlato negli spogliatoi: dopo una partita del genere devi stare in silenzio e riflettere". Parla già da leader: "Siamo il Bari, una squadra importante e tutti ti affrontano dando il 110%. Sono qui per dare una mano a un gruppo già formato e per portare il Bari in Serie A".

"Conte? Ricordo la mentalità vincente" - Atterraggio a Bari giovedì notte, poi subito in campo al "Tombolato" per 40 minuti. Il ko per 2-0 ha salutato l'inizio del 2017 del Bari: "Che rabbia, ma per come abbiamo giocato è stato giusto il risultato finale". 104 reti tra i professionisti, in panchina maestri d'eccezione come Antonio Conte e Maurizio Sarri: "Conte viene da una mentalità vincente: ricordo questo. Lui e Sarri sono insegnanti, con Di Francesco sono i tre allenatori dei quali porto il ricordo più piacevole". Infine Colantuono, ritrovato a Bari dopo l'esperienza a Perugia, annata 2004/2005 con 8 reti e una finale-playoff persa con il Torino: "E' stata una delle tappe che porterò sempre con me, chiuso il mercato il presidente ci disse che non ci avrebbe più pagato per i successivi sei mesi, ma è venuta fuori un'annata magica".

"La mia scelta è dipesa dall'ambiente" - Tanti tifosi all'aeroporto, vogliono almeno 10 gol: "Non faccio mai promesse - dice Floro Flores - ogni volta che accade le disattengo. Preferisco lavorare giorno per giorno e sudarmi la maglia ogni domenica". Eh sì, domenica. Nella mente c'è ancora la serie A, compagna di vita per 10 anni: "Il Bari si aggrappa a me? Anche io mi aggrappo al Bari. E' un momento particolare della mia carriera, avevo bisogno di stimoli importanti e fare parte della storia di un club con un grande blasone mi ha convinto. Ho parlato pochi minuti con il presidente e mi ha convinto: è una persona seria e competente". Napoletano, ma è alla prima esperienza al Sud dopo anni di militanza al centro-nord: "Il clima è differente, c'è il mare e certamente si vive bene. Ma la mia scelta non è dipesa da questo, ma dai tifosi e dall'ambiente: suderò ogni minuto per questa maglia". Con lui Brienza e Maniero, un trio made in Campania: "Sono sulla mia base di ignoranza". Tutti pronti a tornare in A. 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche