Avellino, Novellino: "Noi mentalmente più liberi"

Serie B
walter_novellino_lap_2

Vittoria e settimo risultato utile consecutivo, l'allenatore: "Abbiamo sofferto ma alla fine abbiamo meritato qualcosa in più dell'avversario. Quando sono arrivato non avremmo mai vinto una partita così, siamo migliorati anche a livello difensivo"

Un altro successo, il settimo risultato utile consecutivo, un bel salto in avanti in classifica. L’Avellino non si ferma e si porta a casa altri tre punti dalla trasferta contro il Cittadella. La partita finisce 3-1 per i biancoverdi che dopo 12’ erano passati in svantaggio per effetto del gol di Strizzolo ma poi hanno rimontato con la doppietta di Ardemagni e con il gol finale di Eusepi. La cura Walter Novellino continua a portare i suoi frutti, ora la formazione campana si trova a 32 punti in classifica. Così l stesso allenatore dell’Avellino ha parlato del risultato e della prova della squadra ai microfoni di Sky Sport nel post gara.

"La squadra cresce" -
"Da quando sono arrivato abbiamo fatto 16 punti 10 partite e stiamo crescendo ancora, soprattutto a livello mentale. Oggi abbiamo sofferto perché il Cittadella è una squadra che gioca molto in verticale, mentre della metà campo in su qualcosa invece soffre. Però alla fine credo che i cambi ci abbiano permesso di vincere una partita importante per il nostro campionato. Avevamo dei giocatori un po' in emergenza, un po' stanchi; Verde è stato in Nazionale ma abbiamo saputo soffrire e alla fine abbiamo vinto una gara importante per il nostro cammino. Venturato a fine gara era dispiaciuto ma il calcio è questo, io sono molto onesto però alla fine sono andato a salutarlo e un allenatore della mia esperienza non ho fatto altro che andare da un collega per dirgli che queste sono cose che succedono; anche a loro è capitato di non vincere".

Vittoria meritata -
E ancora: "Abbiamo sofferto ma alla fine abbiamo meritato qualcosa in più dell'avversario. Quando sono arrivato non avremmo mai vinto una partita così, siamo migliorati anche a livello difensivo perché a me piace una squadra che abbia bisogno di spazi e sappia attaccarli, sto costruendo delle strutture. Anche mentalmente i ragazzi sono più liberi e più sicuri, si soffre tanto sui falli laterali e Radunovic ha fatto due belle parate. Ma nel gioco siamo migliorati e questo è importante questa una squadra che ha anche delle ottime qualità. Se ora guardo più in alto o in basso in classifica? Prima vogliamo l'uovo poi la gallina".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche