Avellino, allenamento pomeridiano: cinque a parte

Serie B
Walter_Novellino_Avellino_Getty

Terapie per Asmah, Gavazzi e D’Angelo (quest’ultimo vittima di una contusione al quadricipite della coscia sinistra). Lavoro differenziato inoltre per Djimsiti, piscina per Radunovic; recuperato Paghera in vista della prossima sfida contro il Vicenza

Seduta pomeridiana - La vittoria contro il Cittadella è già alle spalle, ora nel mirino dell’Avellino c’è la sfida al Vicenza. Per arrivare preparati all'appuntamento del prossimo sabato i ragazzi di Walter Novellino hanno già ripreso ad allenarsi al Partenio-Lombardi. Seduta pomeridiana per i biancoverdi che non hanno ancora potuto contare sugli indisponibili Asmah e Gavazzi (che hanno svolto terapie) e D’Angelo (vittima di una contusione al quadricipite della coscia sinistra nell'ultimo match è anche lui sottoposto alle terapie del caso). Lavoro differenziato inoltre per Djimsiti, piscina per Radunovic, mentre Paghera ha pienamente recuperato dal problema muscolare al quadricipite della coscia sinistra e si è allenato regolarmente con il resto del gruppo. Sull'agenda dell’Avellino è ora segnata doppia seduta (mattina tra palestra e campo, pomeriggio sul sintetico del Partenio-Lombardi dalle ore 15).

La nota del club -
Si attende intanto di conoscere la definitiva decisione che riguarda la possibile chiusura della curva sud in seguito ai fatti che hanno visto coinvolti i dirigenti del Verona e alcuni tifosi biancoverdi prima della gara tra l’Hellas e l’Avellino. A questo proposito la società campana ha pubblicato una nuova nota ufficiale: "Il concreto rischio della chiusura della Curva Sud, in occasione della gara di sabato prossimo, Avellino-Vicenza, è un provvedimento che penalizzerebbe tutti i tifosi irpini che hanno sempre mostrato correttezza e comportamenti civili in ogni occasione. Questa società ribadisce la condanna del deprecabile episodio avvenuto prima di Avellino-Verona dello scorso 11 febbraio, con il danneggiamento dell'auto sulla quale viaggiavano Presidente e dirigenti del Verona, nonché dell’atteggiamento avuto, manifestato attraverso i fischi, da parte degli spettatori presenti allo stadio in occasione del messaggio di solidarietà diffuso da questo club – relativo all’episodio – per mezzo degli altoparlanti".

Posizione netta -
E ancora: "La società prende le distanze, nella maniera più decisa, dall'autore dell'inqualificabile gesto che ha leso l’immagine di una città, di un club, ma soprattutto della stessa tifoseria che si è sempre distinta per comportamenti generosi, civili e ora rischia di essere etichettata come violenta per causa di qualcuno che non è possibile definire sostenitore di una causa sportiva. La netta posizione di questa società, rafforzata ulteriormente dall’incontro avuto questa mattina presso la Questura di Avellino, è chiara e inequivocabile così come decisa deve essere la presa di distanza da parte dei tifosi - portatori sani di valori, su tutti il rispetto, la sportività e la correttezza - nei confronti di chi infanga il buon nome del tifo biancoverde, rischiando di condannare e di penalizzare gran parte dei sostenitori dell’Avellino".

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche