Palermo, Tedino: "Soddisfatto del mercato. Su Lo Faso..."

Serie B

Rosanero a Brescia senza otto titolari, impegnati con le rispettive nazionali: "Non cerchiamo alibi, vogliamo fare una partita importante". Chiuso il mercato: "Sono molto soddisfatto, Rispoli non è mai stato un problema. Lo Faso? Influenzato da altri..."

"Sono soddisfattissimo", esordisce così Bruno Tedino in conferenza stampa all'indomani della chiusura del mercato estivo. Una deadline che ha portato al suo Palermo l'attaccante che cercava per completare il reparto: Gaetano Monachello si aggregherà alla squadra a Brescia, dove domani i rosa giocheranno per l'anticipo della seconda giornata, per poi entrare nelle rotazioni dell'allenatore friulano a partire dalla prossima settimana: "Di punte vere abbiamo solo Nestorovski e La Gumina, mi sono reso conto che con queste assenze diventa tutto complicato. Avendo a disposizione un certo budget abbiamo puntato su un ragazzo che ha fatto la trafila delle nazionali e deve metterci tutta la sua foga per conquistarsi un posto importante. Cercavamo un profilo con delle certezze".

Ma la chiusura del mercato, per il Palermo, significa aver trattenuto Rispoli e Nestorovski. Entrambi cercati dal Torino nelle ore conclusive della campagna acquisti, sono due elementi rimasti alla corte di Tedino per puntare all'immediata promozione: "La chiusura del mercato dà la possibilità a tutti di avere un orizzonte più sereno, agevolando le qualità lavorative durante la settimana. Rispoli non è mai stato un problema, chiaro che una proposta importante a quattro ore dalla chiusura del mercato possa mettere in confusione. La forza di un atleta sta nel riuscire a tirar su le maniche e puntare alla Serie A con questa maglia".

"Lo Faso è stato influenzato da altri. Non cerco alibi"

Saluta invece Diamanti, oggi in sede per formalizzare la risoluzione del contratto, così come Lo Faso, per il quale Tedino non si risparmia una tirata d'orecchi: "Lo Faso l'ho chiamato io per primo in nazionale, quando agli Allievi del Palermo giocava e non giocava. Ha fatto delle cose importanti in azzurro, poi in nazionale non è più andato. Quando sono arrivato qui, Simone aveva un miliardo di possibilità per andar via. Secondo voi come si è allenato? Io gli voglio bene come un figlio, ma quando c'è un rubinetto che perde si chiama un idraulico bravo, che prenda la chiave inglese giusta. La colpa non è di nessuno: se i ragazzi sono stati influenzati dal Monaco, dal Milan, dalla Fiorentina o chicchessia non possiamo entrare nella loro testa. Più giovani sono, meno esperienza hanno nel gestire certe situazioni. Se Simone fosse rimasto, sarebbe stato preso in considerazione in maniera importante. Ammesso e non concesso che avesse fatto il calciatore".

Adesso la testa torna al campo e al campionato, che per il Palermo prosegue a Brescia senza otto titolari, tutti impegnati con le rispettive nazionali: "Mi aspetto un gruppo di ragazzi con la voglia di fare una partita importante. Avremo tredici giocatori di movimento, due primavera e i portieri, ma non cerco alibi perché significherebbe presentarsi con una mentalità perdente. La forza di un gruppo si dimostra a lungo termine e questa squadra a mio avviso ha tutte le coordinate giuste. Se quella di prima era una finale, questa lo è altrettanto. Sarà una partita difficile perché il Brescia porta sette giocatori oltre la linea della palla, cosa che ci infastidisce parecchio". In attacco, pronto all'esordio da titolare il palermitano Nino La Gumina: "Non deve sentirsi sotto esame, ha una bella briscola in mano. Io per primo ho detto al presidente che doveva restare con noi, è un giovane che dev

I più letti