Bari-Venezia, Grosso: "Siamo competitivi. Che ricordi con Inzaghi"

Serie B

L'allenatore biancorosso sfida Pippo Inzaghi, altro campione del mondo del 2006: "Abbiamo condiviso gioie e dolori, sono contento di ritrovarlo". Sulla sfida: "Sarà insidiosa, ma il nostro obiettivo è di giocarcela con tutti. Voglio riportare entusiasmo in questa città"

Una vittoria e una sconfitta - dolorosa, a Empoli - nelle prime due della nuova stagione di Serie B per il Bari di Fabio Frosso, che vuole subito rifarsi contro il Venezia di Filippo Inzaghi. Due campioni del mondo a confronto per la prima volta: “Con Pippo ho condiviso gioie e delusioni. Sono contento di ritrovarlo”, ha ammesso l’allenatore biancorosso in conferenza stampa. “Il Venezia ha avuto un percorso trionfale nello scorso anno, ha cambiato qualcosa, è imbattuto. Sarà una sfida insidiosa ma vogliamo fare bene. A Cesena ha giocato bene, creando più volte i presupposti per vincere”. Sulla gara di Empoli: “In Toscana ho visto diverse cose positive, per colpa di qualche errore di troppo siamo tornati a casa a mani vuote. Con Basha e Gyomber, ritrovo qualche pedina in più ma spero di avere sempre le qualità per fare risultato con chiunque".

"L'obiettivo del Bari è di giocarsela con tutti"

Contro i veneti non ci saranno Galano e Sabelli, alle prese con i rispettivi infortuni, oltre a Kozak, in ritardo di condizione. Grosso si è soffermato sui dettagli da sistemare: “L'approccio è uno degli elementi da migliorare. Ma quel che conta di più è l'equilibrio tra quanto si offende e quanto si difende. Non stravolgerò il modo di approcciare ogni partita di questo campionato. L'obiettivo del Bari è giocarsela con tutti. Spero di ottenere presto una certa continuità di risultati per riportare entusiasmo a questa piazza”. Nella giornata di giovedì l’ufficialità del tesseramento di Anderson, mentre Marquez è ancora in prova a Bari: “Abbiamo tesserato Anderson. In lui abbiamo intravisto qualità che possono risultare utili alla rosa. Marquez rimarrà ancora qualche giorno con noi, tra poco scioglieremo le riserve”, ha concluso Grosso.

I più letti