Palermo, Tedino: "Contro il Bari non è determinante, che sfortuna le assenze. Grosso? Lo stimo"

Serie B
tedino_palermo

Tedino alla vigilia di Bari-Palermo: "Assenze? Non riguarda tanto chi abbiamo disponibile oggi, ma quel che dobbiamo fare durante la settimana. La partita è importante, ma non determinante. Grosso? Lo stimo, sia come calciatore che come allenatore"

Big match con in palio il primo posto, Bari e Palermo pronte a sfidarsi al San Nicola. Sfida importantissima, presentata così da Bruno Tedino: "Assenze? Non è semplice. Non riguarda tanto chi abbiamo disponibile oggi, ma quel che dobbiamo fare durante la settimana – ha dichiarato l'allenatore rosanero in conferenza stampa - Con venti, ventidue giocatori, si può lavorare con intensità, ritmo e intensità, con dei contrasti. Quando ne hai pochi come nell'ultimo periodo, invece, devi essere bravo a gestire. E più gestisci, meno lavori. Così ti trovi con meno benzina. Ma è dall'inizio che abbiamo queste difficoltà. Abbiamo comunque preparato la partita al massimo, come sempre. E secondo me Dawidowicz in mezzo non ha una grande autonomia. Gnahoré non è Murawski, è un giocatore di propulsione. Murawski invece contrasta e riparte, fa molto bene la doppia fase e deve migliorare solo nella velocità di esecuzione. Difesa? Bellusci è un ragazzo di grande affidabilità per entusiasmo, non vuole perdere nemmeno le partitelle sette contro sette. Szyminski devo valutarlo, domenica è uscito dal campo con un microtrauma e per necessità, essendo veramente in pochi, abbiamo deciso di non farlo allenare in una certa maniera".

"Non è determinante. Grosso? Lo stimo"

Sulla partita, aggiunge: "Questa è una partita di cartello, vista la classifica, ma non credo sia determinante. In questo momento non sta scappando nessuno. Poi se in mezzo a queste difficoltà riuscissimo a fare un risultato veramente importante, allora sarebbe un elemento ancor più positivo. Il Bari ha un modo di giocare molto arioso, con giocatori di grande personalità e qualità, soprattutto in mezzo al campo e davanti. Grosso è stato l'emblema della nazionale campione del mondo, al pari di Tardelli. Lo stimo da allenatore, perché è partito dai giovani con la Juventus e lo ha fatto nel migliore dei modi, trasmettendo dei concetti ai suoi ragazzi. Ha le competenze e la moralità per fare carriera". 

Arriva sempre primo

Ricevi live da SkySport le breaking news sui principali eventi sportivi. Per accettare le notifiche devi dare il consenso nel successivo popup.

Ricevi le notifiche

Fai login per ottenere il meglio subito.

Accedi con il tuo Sky ID o registrati in pochi istanti.