Cittadella, Venturato: "Promozione diretta? Perché no..."

Serie B

Le parole dell'allenatore: "Siamo una squadra che deve crescere ancora per riuscire ad arrivare a confrontarsi con chi abbiamo davanti in questo momento, però siamo un gruppo di giocatori che non sono molto conosciuti ma sicuramente hanno dei valori. Guardiamo avanti"

Altra vittoria, questa volta in casa al Tombolato, per il Cittadella di Roberto Venturato che continua così a salire in classifica. Un gol per tempo per decidere la sfida contro il Pescara di Zeman: la gara era stata aperta da Iori su rigore nel corso della prima frazione di gioco, il raddoppio è poi arrivato con Kouame. La squadra veneta si porta così momentaneamente al terzo posto a quota 48 punti dopo 29 giornate giocate, in attesa degli altri risultati che completeranno il quadro delle gare. Un’altra giornata da ricordare che, dopo il 90’, proprio Venturato ha analizzato così ripercorrendo gli episodi del match e fissando anche gli obiettivi dei suoi ragazzi: "Sicuramente oggi non è stata una partita facile perché il Pescara è una squadra che, se la lasci giocare, riesce a ripartire e infatti ha creato un paio di occasioni in cui ci ha messo molto in difficoltà. Credo però che noi abbiamo fatto una prestazione davvero molto importante, il Cittadella è una squadra che ha voglia, che ha entusiasmo e che sa stare bene in campo. E soprattutto in questo momento ha grande equilibrio, è soprattutto in questo che siamo cresciuti tanto. Penso che dovremmo continuare su questa strada se vogliamo toglierci altre soddisfazioni".

"Promozione diretta? Perché no..."

"Se questa squadra può pensare addirittura alla promozione diretta? Io credo che noi non dovremmo porci limiti in questo campionato, siamo una squadra che ha sicuramente dimostrato di avere qualcosa di importante e che ha dei valori. Di certo in questa partita abbiamo dato tutti la conferma che possiamo fare qualcosa di importante in questa annata. Pensare alla promozione diretta in questo momento, con così tante partite davanti ancora da giocare, non è una cosa semplice però… Perché no? Possiamo sempre lavorarci. Siamo una squadra che deve crescere ancora per riuscire ad arrivare a confrontarsi con chi abbiamo davanti in questo momento, ovvero delle rose importanti con valori importanti. Però siamo un gruppo di giocatori che non sono molto conosciuti ma sicuramente i valori li hanno e sono importanti. Dobbiamo mantenere un equilibrio, crescere e tenere sempre i piedi per terra per poter giocare le nostre partite con determinazione ogni sabato. Guardiamo avanti e cerchiamo di fare sempre qualcosa di importante. Kouame è straordinario e può ancora crescere molto. In questa stagione già lo ha fatto e ci sta dando una grande mano“.

I più letti